Italia
stampa

IMMIGRAZIONE: 5.347 I RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI NEL 2006

Sono 5.347 le persone accolte nel sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (Sprar) nel 2006, il 20% in più rispetto all'anno precedente. Il dato presentato stamani nel rapporto annuale stilato da Anci e Censis che è stato illustrato al teatro Capranica a Roma. Sono stati accolti 2.294 richiedenti asilo, 750 rifugiati e 2.303 titolari di protezione umanitaria. I beneficiari dello Sprar, in prevalenza di sesso maschile (71%), con una predominanza di individui in età compresa tra i 26 e i 30 anni (24%) e con una forte percentuale di minori (18%), provengono da 75 paesi. Il 67,1% proviene dall'Africa e, in generale, i primi cinque paesi di provenienza sono: Eritrea, Etiopia, Colombia, Togo, Somalia. Complessivamente sono stati monitorati i percorsi in Italia di 7.030 persone. Il 2006 secondo il rapporto ha visto il coinvolgimento del sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati di oltre 150 enti locali, di cui 95 titolari dei 102 progetti territoriali di accoglienza, 19 dei quali rivolti alle categorie più vulnerabili (minorenni non accompagnati, vittime di tortura e/o di violenza, disabili, soggetti che richiedono assistenza sanitaria specialistica a domicilio e anziani). Secondo il rapporto, nell'Unione Europea si è assistito, durante l'ultimo quinquennio, a un generale calo delle domande di asilo (-53,2%). Mentre i paesi dell'Europa meridionale hanno avuto una crescita esponenziale delle domande: Grecia +116%, Malta +262%, Cipro +378%. In questo contesto l'Italia si pone al nono posto tra i 25 stati membri dell'Unione Europea con 10.348 domande di asilo pervenute nel 2006.(ANSA).

IMMIGRAZIONE: 5.347 I RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI NEL 2006
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento