Italia
stampa

IMMIGRAZIONE, APPROVATA LA NUOVA LEGGE

Con 146 voti favorevoli, 89 contrari e 3 astenuti giovedì 11 luglio il Senato ha approvato definitivamente la legge sull'immigrazione, voluta dal Governo di centrodestra e fortemente osteggiata dall'opposizione. prima del voto, il relatore Gabriele Boscetto (Forza Italia) ha proposto un ordine del giorno con il quale si impegna il Governo ad attuare con un separato disegno di legge la regolarizzazione prevista per colf e badanti anche per il settore dei lavoratori extracomunitari dell'industria.
La legge, nota anche come "Bossi-Fini" (dai nomi del ministro delle Riforme, Umberto Bossi, e del vicepremier, Gianfranco Fini, che l'hanno stilata) manda definitivamente in pensione la precedente Turco-Napolitano.

Questi i punti essenziali della legge.

• L'"arresto effettivo" per l'immigrato clandestino scatta al terzo tentativo di rientro in Italia senza permesso. Al primo accertamento che verifica l'entrata illegale del clandestino, scatterà l'accompagnamento alla frontiera. Siccome la maggiore difficoltà che finora ha impedito di eseguire questa misura ha riguardato l'identificazione del clandestino, e dunque l'identificazione dello Stato di provenienza, si prevede l'allungamento del periodo di permanenza negli appositi centri dagli attuali 20 giorni, prorogabili di ulteriori 10 giorni, a 30 giorni, prorogabili di altri 30.

• Per favorire l'identificazione dell'immigrato, inoltre, la legge impone di prendere le impronte digitali a tutti gli immigrati extracomunitari.

• Se il clandestino una volta espulso rientrerà ancora in Italia, potrà essere arrestato in flagranza e finire in carcere con una pena di minimo sei mesi, massimo un anno, commutabile in espulsione. Al suo terzo tentativo di entrare illegalmente in Italia, il clandestino rischierà da uno a quattro anni di carcere.

• Avere un contratto di soggiorno per lavoro diventa requisito essenziale per il rilascio del permesso di soggiorno, la cui durata è commisurata alla durata del lavoro se si tratta di lavoro stagionale o a tempo determinato. Se si tratta di lavoro a tempo indeterminato, c'è rinnovabilità del permesso.

• Le quote saranno fissate con uno o più decreti l'anno sulla base dell'inserimento nel mondo del lavoro e, quindi, delle disponibilità ad assumere da parte del mondo produttivo.

• I lavoratori di origine italiana residenti in paesi non comunitari (per parte di almeno uno dei genitori fino al terzo grado in linea retta di ascendenza, cioè il bisnonno) potranno accedere al mercato del lavoro italiano in via privilegiata. Si prevede, infatti, che nei decreti suddetti sia loro riservata una quota preferenziale.

• Le restrizioni varranno anche per il mondo dello sport. Ogni anno un decreto del ministro dei Beni culturali fisserà, su proposta del Coni (Comitato olimpico nazionale italiano), il numero massimo degli sportivi stranieri che potranno svolgere attività professionale e retribuita in Italia. Le quote saranno poi ripartite fra le società sportive.

• Testo definitivo legge Bossi-Fini
• Legge Bossi-Fini: gli emendamenti bocciati al Senato

IMMIGRAZIONE, APPROVATA LA NUOVA LEGGE
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento