Italia
stampa

IV RAPPORTO CNEL/CARITAS-MIGRANTES SU INTEGRAZIONE STRANIERI: MIGLIORE NELLE REGIONI DEL NORD-EST

Una penisola “divisa in tre” in quanto a livello di integrazione degli immigrati (inserimento lavorativo, scolarizzazione, acquisto della casa e stabilità sociale), con una fascia “alta” nelle regioni del Nord-est, comprese Marche ed Umbria, una fascia “media” che va dalla Liguria al centro Italia fino alle Puglie, una fascia “bassa” che va dal Molise a tutto il Meridione. Regione capofila è il Veneto seguita dalle Marche, la provincia con il punteggio massimo è Treviso, seguita da Pordenone e Reggio Emilia. Milano è al 40° posto in graduatoria, Roma al 52°. Fanalino di coda: Potenza e Napoli.

Sono alcuni dati che emergono dal IV Rapporto sugli “Indici di integrazione degli immigrati in Italia” commissionato dall'Onc-Cnel al Dossier statistico immigrazione di Caritas-Migrantes e presentato oggi a Roma. Dati che, come tiene a precisare Franco Pittau, del Dossier immigrazione, “valutano la quantità, ossia la potenzialità del territorio, ma non la qualità dell'integrazione, che è un fenomeno più complesso da descrivere. Anche perché ogni contesto territoriale è ambivalente”.

Concetto ribadito da Giorgio Alessandrini, presidente dell'Onc, l'organismo del Cnel che coordina le politiche di integrazione sociale degli stranieri: "Non è detto che in Veneto l'immigrato viva benissimo e in Campania malissimo, a volte è vero tutto il contrario". Questo Rapporto, ha precisato, "deve servire invece al rilancio di una seria politica nazionale sull'immigrazione, a prescindere da chi vincerà le elezioni, altrimenti andremo incontro a grossi problemi, perché le seconde generazioni crescono rapidamente. Se non rispondiamo alle loro speranze ed aspettative si rischia ciò che è successo nelle periferie francesi".

"Non è quindi - ha ricordato l'altro curatore del Rapporto Luca Di Sciullo - una pagella con buoni e cattivi ma un lavoro che serve a trarre più informazioni possibili sulla capacità del territorio di mantenere la presenza degli stranieri, la loro stabilità sociale e l'inserimento lavorativo".

Per il prossimo anno è stata annunciata una novità: il V Rapporto conterrà anche una comparazione con gli indici di integrazione di altri Paesi europei, Germania, Francia e Gran Bretagna in primo luogo.
Sir

IV RAPPORTO CNEL/CARITAS-MIGRANTES SU INTEGRAZIONE STRANIERI: MIGLIORE NELLE REGIONI DEL NORD-EST
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento