Italia
stampa

Incidente ferroviario: don Taglioretti (parroco), «solidarietà tra i pendolari». «Cordoglio» e «vicinanza» dell’arcivescovo Delpini

Il Sir ha intervistato don Marco Taglioretti è il parroco di San Giorgio di Limito di Pioltello. La sua parrocchia è a poca distanza dal luogo del deragliamento, avvenuto questa mattina, del treno pendolari partito da Cremona e diretto a Milano Porta Garibaldi. Al momento tre i morti e 46 i feriti.

Percorsi: Trasporti
Il deragliamento del treno pendolari (Foto Sir)

«Abbiamo visto lo sguardo, gli occhi spaventati dei feriti che venivano portati qui da noi, lo smarrimento di chi si rende conto di essere sopravvissuto per miracolo a una vera tragedia»: don Marco Taglioretti è il parroco di San Giorgio di Limito di Pioltello. La sua parrocchia è a poca distanza dal luogo del deragliamento, avvenuto questa mattina, del treno pendolari partito da Cremona e diretto a Milano Porta Garibaldi. Tre al momento le vittime accertate e 46 i feriti, di cui quattro gavi. «Abbiamo allestito un piccolo centro per accogliere una trentina di feriti meno gravi, come ci è stato chiesto – spiega il parroco – e subito abbiamo fornito qualche bevanda calda. Questa la prima necessità che ci è stato chiesto di coprire». «La gente della parrocchia si è subito data da fare, sono arrivati giovani con dei termos di caffè e thè. Ora i parrocchiani mi telefonano per sapere se possono fare qualcosa, rendersi utili, cucinare per chi è stato coinvolto nell’incidente». Il Comune si è mobilitato, sono stati chiamati a intervenire psicologi per raccogliere le preoccupazioni e le ansie dei sopravvissuti. «Diverse persone avevano l’esigenza di avvisare i parenti», spiega ancora don Taglioretti. «Una persona era alla ricerca di un parente, forse un figlio, dal quale era stata separata al momento dei primi soccorsi». Il parroco racconta di momenti confusi ma di «una grande solidarietà e della immensa umanità dei soccorritori».

«Ho perso dei compagni di viaggio»: don Taglioretti riferisce la voce di una persona scampata alla tragedia. «Mi confidava queste parole – dice il sacerdote – e vedevo emergere una solidarietà tra gli stessi pendolari, tra chi condivide ogni giorno il viaggio verso il lavoro o la scuola». «La macchina dei soccorsi sta mostrando – afferma il parroco – efficienza e attenzione alle esigenze delle persone. Certo sono momenti di grande agitazione, ma operatori, volontari e cittadini danno un grande esempio». Il parroco porta il «cordoglio» e la «vicinanza» dell’arcivescovo, mons. Mario Delpini, impegnato in queste ore a Roma per il Consiglio permanente della Cei. «Ricorderemo le vittime, i feriti e i famigliari dell’incidente durante le messe di domenica», segnala il sacerdote, che specifica: «Appena saputa la notizia, mi ha chiamato anche mons. Piero Cresseri, vicario episcopale della nostra zona pastorale, la numero 7 di Sesto San Giovanni», per chiedere informazioni, per assicurare la vicinanza dell’arcivescovo e sua e per mettersi a disposizione per ogni necessità.

Fonte: Sir
Incidente ferroviario: parroco, «solidarietà tra i pendolari»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento