Italia
stampa

LEGGE SU «FINE VITA»: SCIENZA E VITA, ALIMENTAZIONE E IDRATAZIONE NON SI TOCCANO

Parole chiave: testamento biologico (30), eutanasia (131), bioetica (68), scienza & vita (60)

“Sì all'alimentazione e all'idratazione come sostegni vitali”. Lo ricorda l'Associazione Scienza & Vita, che interviene nel dibattito politico-culturale su una legge sul “fine vita”, che in queste ore si è fatto ancor più acceso. “Una disciplina – precisa Scienza & Vita una nota – che non può e non deve prevedere la possibilità di rinunciare all'alimentazione e all'idratazione. Una tentazione, quest'ultima, che emerge nelle schiere dei laici e talvolta si insinua persino in ambienti cattolici e che deve essere assolutamente respinta”. Auspicando che la normativa nasca nel segno del “favor vitae”, Scienza & Vita ricorda anche altri sei punti “qualificanti”: sì ad una legge che proibisca l'eutanasia in tutte le sue forme e l'abbandono del malato; no all'accanimento terapeutico; sì alle cure palliative e alla terapia del dolore; sì alla promozione di ogni forma di assistenza e di sostegno al malato e alla sua famiglia; sì al rafforzamento della relazione medico/paziente, basata sull'alleanza terapeutica, quale luogo in cui si collocano sia le volontà del paziente, dichiarate in modo “certo” e “inequivocabile”, sia la responsabilità del medico – in ogni situazione clinica – di valutare in scienza e coscienza nel rispetto del bene supremo della vita; No ad una legge sul testamento biologico come forma di autodeterminazione quale scelta insindacabile su come e quando morire”.
Sir

LEGGE SU «FINE VITA»: SCIENZA E VITA, ALIMENTAZIONE E IDRATAZIONE NON SI TOCCANO
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento