Italia
stampa

MEDAGLIA D'ORO DI CIAMPI A DON LETO CASINI, IL PRETE CHE AIUTO' GLI EBREI

Fra le onoreficenze conferite il 25 aprile da Carlo Azeglio Ciampi c'è anche la medaglia d'oro alla memoria, per merito civile, di un sacerdote toscano: Don Leto Casini, animatore di una rete di solidarietà che aiutò numerosi ebrei perseguitati dai nazi-fascisti. Alla notizia Enrico Cecchetti, vicepresidente del Consiglio regionale, ha espresso grande soddisfazione. "Le qualità umane, civili e politiche di Casini - ha detto Cecchetti - ne fanno un altissimo esempio di quella sensibilità che, anche in Toscana, è stata alla base della 'resistenza civile' e che si è espressa sia attraverso l'offerta di protezione individuale, sia attraverso reti organizzate di solidarietà, come anche quella a cui dette vita Giorgio Nissim, che hanno permesso a ebrei e perseguitati di scampare alla deportazione e al terribile destino del lager". "Sulla figura di Don Leto, sull'attività sua e degli ambienti e a lui collegati - ha spiegato ancora Cecchetti - stiamo lavorando come Consiglio regionale con lo scopo di dare vita, nell'ambito del 60° anniversario della Resistenza e Liberazione, a un'iniziativa che ne ricordi adeguatamente l'operato. Il conferimento dell'alta onoreficenza da parte del capo dello Stato ci rallegra e ci è di sostegno in questo obiettivo".

Il conferimento della medaglia a Don Leto Casini, spiegano le motivazioni, intende premiare una figura di "sacerdote di elevate qualità umane, civili e politiche" che durante l'ultimo conflitto mondiale "si prodigò, con spirito cristiano ed encomiabile virtù civile, in favore degli ebrei perseguitati dai nazifascisti". A causa di questa attività Don Leto Casini venne arrestato due volte e rinchiuso nel carcere delle Murate a Firenze.
Leto Casini, fiorentino, è nato nel 1902 ed è stato ordinato sacerdote nel 1928. In quasi sessant'anni di ministero è passato dalla piccola parrocchia di Giugnola ai confini della diocesi fra la Toscana e la Romagna, a quelle di San Pellegrino, di Marcoiano, di Palazzuolo sul Senio e di Varlungo; è poi, dopo la guerra, stato a lungo cappellano di bordo sulle navi passeggeri delle grandi compagnie, e ancora cappellano delle carceri e rettore dell'oratorio della Madonna delle Grazie sul lungarno Diaz a Firenze. Nel periodo terribile delle persecuzioni razziali e del passaggio della guerra da Firenze Don Casini, con il sostegno del cardinale Elia Dalla Costa, partecipò attivamente a un'organizzazione che cercava rifugi e alloggi per gli ebrei perseguitati, soprattutto stranieri, raccoglieva soldi per il loro sostentamento, forniva loro false carte di identità. Oggi, nel parco dei giusti d'Israele presso Gerusalemme, un albero porta il suo nome. (cs-cem)

MEDAGLIA D'ORO DI CIAMPI A DON LETO CASINI, IL PRETE CHE AIUTO' GLI EBREI
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento