Italia
stampa

Malata di Sla e Dat: Centro studi Livatino, «a Nuoro non biotestamento ma eutanasia»

Sulla vicenda di Patrizia Cocco, nuorese di 49 anni, che ha chiesto di interrompere la ventilazione artificiale e di essere sedata interviene il Centro Studi Rosario Livatino, che chiarisce come quanto accaduto a Nuoro non ha niente a che vedere con la nuova legge sul «fine vita».

Percorsi: Eutanasia - Sanità - Vita
Un malato 8Foto Sir)

«È difficile mantenere un distacco razionale di fronte alla lancinante esperienza di una patologia grave, che si cronicizza e provoca dolore crescente. Se però viene chiamata in causa la legge sul biotestamento appena approvata, è doveroso chiedersi se tale richiamo sia corretto», sostiene in una nota il Centro Studi Rosario Livatino, formato da magistrati, docenti universitari e avvocati. «Se la vicenda di Nuoro – si legge – è presentata come la prima applicazione di quella legge, va detto che la volontà della paziente è stata espressa in forma diretta, senza alcuna ‘anticipazione’: quindi non vi è stato alcun ‘testamento’».

Secondo il Centro studi in questo caso «si tratta invece della disciplina del consenso informato, secondo la quale (comma 5 dell’art. 1 della nuova legge) il paziente può rinunciare a ‘trattamenti sanitari necessari per la propria sopravvivenza’, fra i quali è fatta rientrare la ventilazione artificiale».

Nel caso di Nuoro «la sedazione inserita in una procedura che prevede la sospensione di sostegni vitali non è funzionale a calmare la sofferenza, bensì a porre fine alla vita di un paziente per il quale non si prospetta una morte imminente». Per questo, spiegano dal Livatino, «quello di Nuoro è un caso di eutanasia: per omissione quanto alla sospensione della ventilazione artificiale e attiva quanto alla c.d. sedazione profonda».

Ciò «è grave in sé, ed è grave perché per il medico la legge formalmente non prevede l’obiezione di coscienza».

«Il caso di Nuoro – conclude la nota del Centro studi Livatino – da un lato indica l’eutanasia come ‘rimedio’ che l’ordinamento prospetta a chi soffre, dall’altro conferma l’assenza di qualsiasi tutela per il medico che non intende seguire pratiche di morte».

Fonte: Sir
Malata di Sla e Dat: Centro studi Livatino, «a Nuoro non biotestamento ma eutanasia»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento