Italia
stampa

Maltempo: Protezione civile, dal 4 novembre attivo il numero 45500 a sostegno delle popolazioni colpite

La Protezione civile prevede «ancora temporali e venti forti sulle Isole. Allerta rossa su parte della Sicilia». Un numero solidale 45500 a sostegno delle popolazioni del Veneto, Friuli Venezia Giulia e Liguria, colpite dal maltempo negli ultimi giorni.

Maltempo

«La circolazione depressionaria sul Mediterraneo centrale continua a far confluire correnti umide e instabili verso l’Italia. Il lento spostamento della perturbazione verso sud-ovest, nel corso della giornata di domani, sabato 3 novembre, favorirà un graduale e momentaneo miglioramento delle condizioni meteorologiche sulle regioni peninsulari, mantenendo invece condizioni di spiccata instabilità sulla Sicilia, in estensione dalla serata alla Sardegna». Ad annunciarlo è il Dipartimento di Protezione civile in una nota nella quale spiega che «sulla base delle previsioni disponibili» e «d’intesa con le Regioni coinvolte» è stato emesso «un nuovo avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende gli avvisi emessi nei giorni scorsi».

«L’avviso – prosegue la nota – prevede dalla serata di oggi, venerdì 2 novembre, il persistere di precipitazioni, a prevalente carattere temporalesco sulla Sicilia, più diffuse e persistenti sui settori occidentali. Dalla serata di domani, sabato 3 novembre, si prevedono precipitazioni, a prevalente carattere temporalesco, sulla Sardegna». Secondo la Protezione civile, «i fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento».
Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di oggi, venerdì 2 novembre, allerta rossa sui bacini costieri occidentali della Sicilia, comprese isole Egadi, Ustica e Pantelleria. Per la giornata di domani, sabato 3 novembre, l’allerta rossa è stata estesa anche ai bacini centro-meridionali della Sicilia e alle isole Pelagie. Valutata inoltre allerta arancione su parte del territorio di Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Lazio e sui restanti settori della Sicilia. È stata inoltre valutata per la giornata di domani allerta gialla su tutto il territorio della Valle d’Aosta, sui restanti bacini di Veneto, Emilia-Romagna, su parte di Toscana e Molise, sull’intero territorio di Umbria e Abruzzo, sul versante ionico meridionale della Calabria e sui bacini sud-occidentali e centro-meridionali della Sardegna.

«Su richiesta dei presidenti delle Regioni Veneto, Friuli Venezia Giulia e Liguria, grazie al protocollo d’intesa esistente tra il Dipartimento della Protezione civile e gli operatori di telefonia fissa e mobile, sarà attivo dalle 00.00 del 4 novembre il numero solidale 45500 a sostegno delle popolazioni del Veneto, Friuli Venezia Giulia e Liguria, colpite dal maltempo negli ultimi giorni». Il Dipartimento di Protezione civile in una nota spiega che «attraverso gli operatori che aderiranno all’iniziativa, sarà possibile donare 2 euro inviando un sms solidale o effettuando una chiamata da rete fissa al 45500».

I fondi raccolti, si precisa nella nota, saranno trasferiti dagli operatori, senza alcun ricarico, al Dipartimento della Protezione civile che provvederà a destinarli alle Regioni interessate e saranno ripartiti proporzionalmente ai danni accertati.

«Le somme – conclude la Protezione civile – saranno impiegate per la realizzazione di progetti a favore dei territori coinvolti, su proposta delle regioni, mentre per le attività emergenziali nelle zone danneggiate è a disposizione il fondo per le emergenze nazionali».

Maltempo: Protezione civile, dal 4 novembre attivo il numero 45500 a sostegno delle popolazioni colpite
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento