Italia
stampa

Migranti. Nave Diciotti, don Zappolini (Cnca): no a politica su corpi persone

«Finito il tempo delle ideologie, si usano i corpi di esseri umani per conquistare il consenso e trattare con altri soggetti politici e istituzionali» così, in una nota di commento alla vicenda della nave Diciotti, don Armando Zappolini, presidente del Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (Cnca).

La nave Diciotti della Guardia Costiera ancorata nel porto di Catania con 150 immigrati  a bordo (Foto Sir)

«Il governo ha, ovviamente, il diritto di chiedere una revisione del trattato di Dublino e del modo in cui l'Unione Europea gestisce la questione migrazioni, ma questo non può avvenire sequestrando esseri umani - comprese, per parecchi giorni, persone minorenni - e violando diritti fondamentali degli esseri umani e norme essenziali degli ordinamenti giuridici internazionali. Ciò non è tollerabile» afferma Zappolini. La sua organizzazione è attiva nell'accoglienza delle persone migranti con il progetto 'Terreferme' realizzato con Unicef Italia. «Se si costruiscono situazioni che garantiscono standard alti di servizio e prevedono un lavoro serio con le comunità locali, l'accoglienza delle persone straniere procede positivamente. È quando si soffia sul fuoco, fomentando rabbia e disprezzo, che i problemi esplodono» conclude Zappolini.

Fonte: Sir
Migranti. Nave Diciotti, don Zappolini (Cnca): no a politica su corpi persone
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento