Italia
stampa

Monete fontana di Trevi: Raggi all'«Osservatore Romano», «restano alla Caritas»

Retromarcia della giunta capitolina dopo il clamore suscitato dall'annunciata decisione di non destinare più alla Caritas di Roma il ricavato delle monetine lasciate dai turisti nella Fontana di Trevi. La sindaca Virginia Raggi, con un intervento pubblicato sull'Osservatore Romano rassicura che continueranno ad andare alla Caritas per l'assistenza ai poveri. 

Percorsi: Caritas - Povertà - Roma
Virginia Raggi

«La Caritas e tutte le migliaia di persone assistite dai suoi operatori possono stare tranquille. Garantisco io, in prima persona, che non verrà mai meno il contributo di questa amministrazione. Per quanto riguarda le monetine, confermo che resteranno a disposizione delle attività caritatevoli dell'ente diocesano. Nessuno ha mai pensato di privare la Caritas di questi fondi». Lo dice la sindaca di Roma, Virginia Raggi, all'Osservatore Romano, parlando della questione delle monete raccolte nella Fontana di Trevi. La notizia è stata pubblicata anche sulla pagina Facebook della Caritas di Roma. L'allarme era stato lanciato nei giorni scorsi dalla stessa Caritas.

«Le monete della Fontana di Trevi che il Comune ha scelto di lasciare ancora alla Caritas di Roma sono un dono per la città. Lo accogliamo come tale e non solo ne faremo dono a tutte le persone che bussano alle nostre porte ma lo doneremo anche alle persone che sul territorio ci chiederanno un sostegno. Dal 2011 la Caritas di Roma utilizza le monetine della Fontana di Trevi, una pioggia di monetine che ha creato un mare di bene. È un dono per la città che, per rimanere tale, dev'essere donato e non preteso. Questo l'ho ribadito poco fa con la sindaca». Lo ha affermato martedì 15 gennaio don Benoni Ambarus, direttore della Caritas diocesana di Roma, al termine della presentazione della seconda edizione del rapporto «La povertà a Roma: un punto di vista» ospitata nella Cittadella della carità in via Casilina vecchia. Parole attese dopo la rassicurazione data ieri dal sindaco di Roma, Virginia Raggi, sul fatto che le monetine gettate dai turisti nella Fontana di Trevi continueranno ad essere destinate alla Caritas della Capitale. Con la Raggi, ha rivelato don Ambarus, «ci siamo sentiti al telefono poco fa. Una telefonata cordiale, all'insegna della serenità e della stima reciproca. Mi ha confermato quanto abbiamo appreso tutti nella sua ultima dichiarazione di ieri. Il Comune presenterà successivamente i dettagli dell'iter».

La sindaca, ha aggiunto, «mi ha assicurato che presto ci incontreremo». Stando a quanto detto dalla Raggi al direttore della Caritas, sulla questione delle monetine «la memoria di giunta è stata mal interpretata». Ieri è stato comunicato che anche le monete delle altre fontane verranno destinate alla Caritas: un fatto che «prendiamo come ulteriore attestazione ma aspettiamo la concretizzazione e la spiegazione del che cosa significhi e le modalità». Infatti, ora «ci è stata data la conferma della consegna, per il resto rimaniamo in attesa di sapere dal Comune che cosa, come, quando, quanto».

In ogni caso una vicenda che aveva sollevato polemiche si conclude positivamente: «Abbiamo ricevuto con grande gioia e soddisfazione, non per noi ma per le persone che potremo aiutare, questa apertura e disponibilità», ha ribadito don Ambarus, precisando che con il Comune «in questi giorni non abbiamo litigato, da parte nostra mai c'è stato desiderio di guerreggiare, di pretendere». Quello delle monetine «è un dono» per il quale il direttore ha voluto ringraziare turisti, Comune, operatori e volontari Caritas.

Fonte: Sir
Monete fontana di Trevi: Raggi all'«Osservatore Romano», «restano alla Caritas»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento