Italia
stampa

Dal n. 27 del 14 luglio 2002

Obiettori abbandonati a se stessi

«State a casa se potete». Uno slogan provocatorio, ma anche un grido d'allarme. Cosa succederà al servizio civile quando, fra poco più di due anni, diventerà volontario? Come svilupparlo senza perdere l'esperienza dell'obiezione di coscienza? Quali modalità di rapporto individuare con gli enti locali? Sfide al centro del «Quarto rapporto sul servizio civile in Italia» presentato il 9 luglio a Roma dalla Conferenza nazionale Enti per il Servizio Civile (Cnesc), associazione nata nel 1986 che raccoglie più del 50% degli enti convenzionati con il ministero della difesa per l'impiego degli obiettori di coscienza nel servizio civile (tra i quali Acli, Caritas Italiana, Confederazione nazionale Misericordie d'Italia).
DI VALENTINA CONTE

Obiettori abbandonati a se stessi

DI VALENTINA CONTE
«State a casa se potete». Uno slogan provocatorio, ma anche un grido d'allarme. Cosa succederà al servizio civile quando, fra poco più di due anni, diventerà volontario? Come svilupparlo senza perdere l'esperienza dell'obiezione di coscienza? Quali modalità di rapporto individuare con gli enti locali? Sfide al centro del «Quarto rapporto sul servizio civile in Italia» presentato il 9 luglio a Roma dalla Conferenza nazionale Enti per il Servizio Civile (Cnesc), associazione nata nel 1986 che raccoglie più del 50% degli enti convenzionati con il ministero della difesa per l'impiego degli obiettori di coscienza nel servizio civile (tra i quali Acli, Caritas Italiana, Confederazione nazionale Misericordie d'Italia).

Sempre meno obiettori. Il servizio civile obbligatorio «sembra scivolare sempre più in uno stato di abbandono», dice Daniele Scaglione, curatore del «Quarto rapporto». «Nel corso del 2001 sono stati avviati 60.141 obiettori rispetto ai 78.841 dell'anno precedente. Una flessione dovuta alla notevole crescita del numero di esoneri concessi a chi ne aveva fatto domanda, oltre 18 mila a fronte delle quasi 7 mila richieste del 2000». Nel triennio 1999-2001 – i primi tre anni di vita della nuova legge sul servizio civile, la 230/98 – la dispensa è stata concessa a quasi 80 mila ragazzi. «Nel 66,5% dei casi si è trattato di una scelta d'ufficio, nel 33,5 a seguito di domanda», prosegue Scaglione. «Tra le cause c'è il decreto del 2001 che consentiva al giovane in procinto di ottenere un posto di lavoro di evitare la perdita di tempo del servizio di leva. Ma non in tutti i casi il rapporto di lavoro si è concretizzato. Senza poi contare il presunto smarrimento delle domande di obiezione presentate dai ragazzi ai distretti militari».

Secondo i dati dell'Ufficio nazionale servizio civile (Unsc) nel 2001 7.169 giovani, qualificati come obiettori di coscienza, non hanno avuto occasione di iniziare il servizio perché le loro richieste si sono perse in qualche meandro del ministero della difesa, e non sono mai arrivate o arrivate troppo tardi all'Unsc. Al difficile rapporto con il ministero si aggiunge la questione delle quote. «Per il 2002 il numero di obiettori che possono entrare in servizio è di 65.500. Erano 85 mila nel 2001 e 70 mila nel 2000», precisa Scaglione. «Ma il vero problema è la cifra reale non quella teorica. Il criterio è sbagliato. Prima si decidono i soldi da destinare al fondo per il servizio civile e poi si calcolano gli obiettori che si possono far partire. Dovrebbe essere il contrario. Sono i reali bisogni del territorio che determinano gli stanziamenti».

Crescono gli enti. Cristina Nespoli, presidente della Cnesc, non nasconde luci e ombre. «Arrivano dati confortanti sull'interesse sempre crescente da parte di molti giovani nei confronti del servizio civile e sul dinamismo degli enti». L'Unsc ha attivato 1.749 nuove convenzioni, tra il 1° gennaio 1999 e il 31 dicembre 2001, determinando un incremento di circa 14 mila unità. «Positiva è stata anche la campagna di comunicazione avviata lo scorso 7 maggio che durerà due mesi e per la quale sono stati spesi oltre un milione e mezzo di euro».

Gli enti convenzionati per il 2002 sono 6.061 – si legge nel rapporto – in aumento rispetto al 2001 (5.923). Il numero dei posti di impiego sono 86.338, distribuiti per il 56% al Nord, il 25 al Centro e il 19 al Sud e nelle Isole. I primi 30 enti convenzionati hanno più di 200 posti. La Caritas Italiana offre maggiori possibilità (5.114), più giù troviamo la Confederazione nazionale Misericordie d'Italia (2.563), le Ispettorie Salesiane (900), l'Associazione Compagnia delle Opere (586), le Acli (438), il Centro sportivo italiano (303), l'Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII (202). In totale i comuni convenzionati sono 3.877 per un totale di 26.086 posti.

Palestra di partecipazione. «Il servizio civile costituisce un'importante occasione di educazione alla cittadinanza per tutti i giovani», sottolinea Edo Patriarca, portavoce nazionale del Forum del Terzo Settore. «Una palestra di democrazia e partecipazione alla vita della propria comunità. La scuola dovrebbe far conoscere agli studenti questa opportunità». «Occorre non disperdere il patrimonio di esperienza, nel lavoro con i giovani, accumulato in decenni di attività sull'obiezione di coscienza», aggiunge Fausto Casini, vice presidente della Cnesc.

«Con la pubblicazione di bandi per 9 mila posti per ragazze e ragazzi non abili alla leva, nel corso di quest'anno avremo la possibilità di sperimentare il servizio civile nazionale che verrà». Ma i dati parziali relativi al primo bando per 1095 posti non sono confortanti. «Su 590 posti previsti al Nord sono arrivate solo 161 domande, con una copertura del 23% appena», riferisce il ministro Carlo Giovanardi, delegato del presidente del Consiglio per il servizio civile. «La copertura sale al 60% al Centro e, a sorpresa rispetto ai dati tradizionali, all'80% al Sud dove per 262 posti ci sono state 782 domande». C'è anche chi rema contro, negando la dimensione nazionale del servizio civile. «La provincia autonoma di Trento ha fatto ricorso alla Corte Costituzionale», precisa Giovanardi. «Questa conflittualità inter-istituzionale è preoccupante. In autunno apriremo un tavolo di confronto su un progetto modulare».
• Il sito dell'Ufficio nazionale per il servizio civile
• Lo sportello informativo della Regione Toscana

Obiettori abbandonati a se stessi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
Marco Pacini 29/08/2002 00:00
ho prestato servizio come OdC nel 1998. Ad oggi mi porto addosso ancora il "marchio" di obiettore di coscienzza che mi impedisce di poter fare concorsi presso polizia municipale, sorveglianza, polizia, forze armate etc...
Quindi quale è stato il risultato della scelta di effettuare un servizio socialmente utile?
problemi nella possibilità di inserirmi nel mondo del lavoro (cosa per altro già difficile).

Se non viene cambiata questa legge, sarà sicuramente un ulteriore limite alla scelta di effettuare servizio civile volontario.
Avatar
Ignazio da vr 01/01/1970 01:00
Secondo il mio parere fare l'obiettore è un'opportunita per chi non vuole fare il militare e quindi stare vicino casa, però un obiettore viene utilizzato come un dipendente e questo non dovrebbe accadere, perché io che lo sto facendo insieme ad altri ragazzi vi dico che ci fanno fare cose che non dovrebbero.
Avatar
Ale 01/01/1970 01:00
Oggi sn poki qll ke decidono d fare Odc xkè il mondo del lavoro d oggi nn è konveniente x i ragazzi ke x questo preferiskono prestarsi al servizio militare.

Totale 3 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento