Italia
stampa

PROSTITUZIONE, A LIVORNO ENTI LOCALI, CHIESA E QUESTURA INSIEME CONTRO TRATTA DONNE IMMIGRATE

Aiutare le donne immigrate, vittime dello sfruttamento della prostituzione, a uscire dalla condizione di schiavitù in cui sono costrette, favorendo il loro reinserimento nella società. E' l'obiettivo del protocollo d'intesa sottoscritto da Provincia di Livorno, Diocesi, questura, Asl e comuni di Livorno, Bibbona, Cecina e Collesalvetti. "L'accordo - ha detto il presidente provinciale, Giorgio Kutufà - formalizza e consolida un'attività già in atto da tempo, che vede l' impegno comune di enti locali, chiesa livornese, volontariato e forze dell' ordine, per contrastare il fenomeno della prostituzione e dello sfruttamento delle immigrate".

Il progetto di protezione sociale 'Casa di accoglienza di Livorno' fu avviato quattro anni fa per impulso della commissione provinciale Pari Opportunità e dell'associazione Randi, che gestisce le attività della casa di accoglienza. Sono trenta le donne, provenienti da Europa orientale e Africa, che finora hanno usufruito della struttura messa a disposizione dalla Diocesi di Livorno. Il vescovo livornese, Diego Coletti, sottolineando ha evidenziato che "l'obiettivo primario del progetto è quello di aiutare il reinserimento delle donne sfruttate".

"In questo modo - ha aggiunto Graziella Pierfederici, presidente della Commissione Pari opportunità intendiamo sostenere le donne che vogliono sottrarsi allo sfruttamento sessuale, garantendo loro l'accesso a un percorso di protezione che prevede, da un lato, l'accoglienza in una struttura protetta, dall'altro attività utili a facilitare il reinserimento nella società". (ANSA)

PROSTITUZIONE, A LIVORNO ENTI LOCALI, CHIESA E QUESTURA INSIEME CONTRO TRATTA DONNE IMMIGRATE
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento