Italia
stampa

Reddito cittadinanza: De Palo (Forum), «testo insoddisfacente per le famiglie»

Il consiglio dei ministri ha approvato ieri i decreti sul reddito di cittadinanza e quota 100 per le pensioni. negativo il commento del presidente del Forum delle associazioni familiari: «Le bozze del Decreto che prevede il Reddito di cittadinanza, che come Forum Famiglie abbiamo avuto modo di visionare, non vanno assolutamente a favore della fiscalità familiare».

Reddito cittadinanza: De Palo (Forum), «testo insoddisfacente per le famiglie»

Via libera del Consiglio dei ministri al reddito di cittadinanza e quota 100. Si tratta di «una tappa fondamentale per questa esperienza di governo, sono due misure che non rispondono a estemporanee promesse elettorale ma costituiscono un progetto di politica economica sociale di cui questo governo va fiero», ha detto ieri il premier Giuseppe Conte. La riforma consente di anticipare il pensionamento e riguarda un milione di pensionati nel triennio 2019-2021. Prevede almeno 62 anni di età e minimo 38 anni di contribuzione. Il reddito di cittadinanza riguarderà circa 5 milioni di persone: 1,7 milioni di famiglie in cui rientreranno anche 255mila nuclei con disabili. Il 47% dei beneficiari sarà al Centro-Nord e il 53% al Sud e Isole.

«Le bozze del Decreto che prevede il Reddito di cittadinanza, che come Forum Famiglie abbiamo avuto modo di visionare, non vanno assolutamente a favore della fiscalità familiare». Così il presidente nazionale del Forum delle associazioni familiari, Gigi De Palo, in una nota diffusa ieri sera. «Le famiglie - aggiunge il presidente del Forum - sono costrette ancora una volta a pagare scelte politiche dal respiro corto. Per far fronte alle minori risorse destinate al Reddito, si è deciso di calcolarlo in base ai valori di spesa dei single, non prendendo nemmeno in esame i bisogni delle famiglie. I limiti sia degli importi assegnati sia del patrimonio mobiliare penalizzano i nuclei familiari, soprattutto quelli numerosi».

De Palo sottolinea ancora: «Questa è una misura tarata su scale di equivalenza peggiorative rispetto a quelle già discutibili dell'Isee: perché questa scelta? In sostanza, il Reddito di cittadinanza così com'è stato approvato è una misura studiata scientificamente per i single e ancora una volta si è persa l'occasione per risollevare il sistema-Italia investendo sulle famiglie, anziché far pagare loro i costi di una misura assistenziale. Con queste modalità non riusciremo mai a far fare all'Italia il salto di qualità atteso da tempo».

Fonte: Sir
Reddito cittadinanza: De Palo (Forum), «testo insoddisfacente per le famiglie»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
Giovanni Petricchi 19/01/2019 10:00
Sussidio di povertà?
Vorrei capire sul Reddito di cittadinanza, perchè i disoccupati di lunga durata(prima del 2015), cioè chi ne ha più bisogno viene esclusa. Dovrebbe avere nel nucleo famigliare persone beneficiare della NASPI(chi è disoccupato di lunga durata non ce l'ha), avere figli in casa oltre 26 anni di età, in cui ci sono componenti con assenza di occupazione da non più di due anni(praticamente la maggior parte è disoccupata da più tempo). Un provvedimento contro la povertà fa esattamente il contrario di quanto dovrebbe fare! Io domando:se uno è disoccupato,sotto la soglia di 780 euro mensili che integrerete,come fa a recarsi a 100km di distanza tutti i giorni per lavorare,tornare a casa,fare la spesa,pagare la luce,l'affitto,gli spostamenti?La fate facile,sembrate benefattori ma non è così...

Totale 1 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento