Italia
stampa

SBARCHI A LAMPEDUSA: DON NASTASI (PARROCO), «IPOCRISIA A LIVELLO EUROPEO»

Parole chiave: sbarchi immigrati (119), immigrati (728), lampedusa (125), libia (322), ue (389)

“Noi viviamo sulla nostra pelle il risultato di una sorta di ipocrisia a livello europeo. Molti ci danno la loro solidarietà a livello internazionale, ma poi in concreto si scarica tutto sul territorio dell'isola”. A parlare è don Stefano Nastasi, parroco di San Gerlando a Lampedusa, in una intervista raccolta oggi da Radio Vaticana. “Dopo lo sforzo fatto da militari e cittadini per salvare i profughi del barcone arenatosi sugli scogli domenica scorsa – racconta don Nastasi -, abbiamo appreso con dolore e amarezza che tre di loro erano morti. Ci eravamo dati da fare durante la notte per aiutare i nostri fratelli. E' un gesto che riassume bene l'atteggiamento degli operatori umanitari e dei cittadini della nostra isola, gente che non ci pensa due volte a tuffarsi per aiutare i migranti in pericolo”. “Oggi le istituzioni ci aiutano a soccorrere chi sbarca e ad accelerare i transiti – prosegue il parroco di Lampedusa -, ma manca una risposta concreta da parte del Governo nei confronti di un popolo che rimane testimone unico di un cambiamento epocale nel Mediterraneo”. Secondo don Nastasi è “come se si volesse sacrificare idealmente la nostra isola per salvare il resto del continente”. “Anche negli altri luoghi, dove vengono trasferiti i migranti in partenza da qui – conclude -, è giusto che la Chiesa si mobiliti e si faccia sentire, con una presenza accanto a questi fratelli”.
Sir

SBARCHI A LAMPEDUSA: DON NASTASI (PARROCO), «IPOCRISIA A LIVELLO EUROPEO»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento