Italia
stampa

SENTENZA TAR: MONS. COLETTI, ORA DI RELIGIONE COMPONENTE IMPORTANTE DI QUESTO PAESE. IL MINISTRO ANNUNCIA IL RICORSO AL CONSIGLIO DI STATO

L'insegnamento della religione è una componente importante della cultura di questo Paese. Così mons. Diego Coletti, presidente della Commissione episcopale per l'educazione cattolica, commenta la sentenza del Tar che ha escluso la partecipazione “a pieno titolo” agli scrutini da parte degli insegnanti di religione cattolica, ritenendo illegittimi i conseguenti crediti scolastici. In sostanza i magistrati amministrativi, accogliendo il ricorso di alcuni studenti, supportati da diverse associazioni laiche e confessioni religiose non cattoliche, hanno annullato le Ordinanze ministeriali emanate dall'allora Ministro della Pubblica Istruzione Giuseppe Fioroni per gli esami di Stato del 2007 e 2008 che prevedevano la valutazione della frequenza dell'insegnamento della religione cattolica o della materia sostitutiva ai fini della determinazione del credito scolastico. "Mi sembra - spiega mons. Coletti - che, tra quello che si è potuto leggere nell'immediato, nelle motivazioni della sentenza, si vada in due direzioni: entrambe, mi sembra, molto discutibili, come motivi per questa sentenza. La prima motivazione sarebbe quella di dire che gli alunni devono essere tutti uguali e, quindi, siccome alcuni non si avvalgono dell'insegnamento scolastico della religione cattolica, questi sarebbero discriminati se questo insegnamento contribuisse a stabilire i crediti o, comunque, il giudizio sull'alunno. La seconda motivazione è ancora più interessante: le cose che riguardano una scelta religiosa individuale non devono entrare nella costruzione di una valutazione generale scolastica, in uno Stato laico. Allora, io prenderei in esame, se posso, brevemente, entrambe queste motivazioni. La prima è chiaramente pretestuosa, perché i crediti e il valore generale del giudizio sull'alunno vengono dati in base alle sue scelte. Il ministro Fioroni ha addirittura citato che c'è la possibilità di avere dei crediti per dei corsi di danza caraibica. Figurarsi che se il 92 per cento delle famiglie italiane scelgono l'insegnamento della religione cattolica, questo non debba entrare nel computo della valutazione dell'alunno. Sarebbe davvero una cosa strana. Tanto più che si tratta di scelte responsabili che devono in qualche modo contribuire a dare una figura generale di valutazione dell'alunno. L'altra motivazione, come dicevo, è ancora più strana, perché non si tratta di un insegnamento che va a sostenere delle scelte religiose individuali, ma si tratta di un insegnamento da tutti riconosciuto come una componente importante di conoscenza della cultura di questo Paese, con buona pace degli irriducibili laicisti e, purtroppo, dobbiamo dire, con buona pace anche di tanti nostri fratelli nella fede di altre confessioni cristiane. Non è colpa di nessuno se la cultura di questo Paese è stata segnata da secoli, e in misura massiccia, dalla presenza della religione cattolica. Per cui entrare in un dialogo fecondo, da qualunque punto di vista e a partire da qualunque religione o cultura, con la cultura italiana, vuol dire conoscere dal punto di vista culturale, non dal punto di vista catechistico strettamente confessionale, la religione cattolica. E questo è il motivo dell'insegnamento per cui eventualmente ciò che è un problema e che va spiegato è l'esenzione, cioè la possibilità di non avvalersi, che credo sia giusto rispetto per chi dovesse sentire un qualche turbamento alle proprie convinzioni religiose, dovendo approfondire il punto di vista della religione cattolica. Ma il corso fatto a scuola, di una scuola laica, di uno Stato laico, è un corso culturale, non è un corso che costruisce scelte religiose". "Questa è una sentenza particolarmente pesante - continua - per uno Stato che deve rispettare le scelte educative delle famiglie, che sono soprattutto dei genitori, che sono fino alla maggiore età i diretti responsabili dell'educazione dei figli e anche, in qualche misura, soprattutto andando avanti nell'età, le scelte stesse degli studenti che, tranne che in alcune regioni, nella stragrande maggioranza delle regioni del Paese, in larghissima maggioranza, scelgono ancora di avvalersi. Vorrei far notare - conclude mons. Coletti - che la cosa è talmente vera che in molte classi a noi risulta che figli di famiglie addirittura non cristiane o di altre confessioni religiose volentieri si avvalgano dell'insegnamento della religione cattolica appunto come elemento arricchente, culturale, per la conoscenza della cultura italiana". Maria Stella Gelmini promette battaglia contro la sentenza del Tar sull'ora di religione: «Ho deciso di ricorrere al Consiglio di Stato». Secondo il ministro dell'Istruzione, «in Italia vi è piena libertà di scegliere se frequentare o meno l'insegnamento della religione. Non si comprende perché qualcuno voglia limitare questa libertà. È ingiusto discriminare la religione cattolica». Il ministro spiega in una nota che «la religione cattolica esprime un patrimonio di storia, di valori e di tradizioni talmente importante che la sua unicità deve essere riconosciuta e tutelata. Una unicità che la scuola, pur nel rispetto di tutte le altre religioni, ha il dovere di riconoscere e valorizzare». Anche Orazio Ruscìca, segretario nazionale dello Snadir, il Sindacato Autonomo degli Insegnanti di Religione, annuncia l'avvio di una nuova battaglia legale. "Noi ci costituiremo in giudizio - dice Ruscìca - e impugneremo la decisione della sezione quattro del Tar del Lazio, come già abbiamo fatto nel 2007: anche allora abbiamo fatto ricorso sempre presso questa sezione, che è ostinata; il Consiglio di Stato ha definito 'priva di consistenza' e ha bocciato la decisione della sezione quattro. Ed è la stessa cosa adesso. La sentenza della sezione quattro non fa altro che dire che chi lavora deve essere penalizzato: cioè, gli studenti che durante l'anno fanno una materia in più rispetto agli altri devono vedere poi alla fine dell'anno penalizzato il loro lavoro".

SENTENZA TAR: MONS. COLETTI, ORA DI RELIGIONE COMPONENTE IMPORTANTE DI QUESTO PAESE. IL MINISTRO ANNUNCIA IL RICORSO AL CONSIGLIO DI STATO
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento