Italia
stampa

SPAGNA: NOZZE REALI; TESSUTI PARAMENTI SACRI FATTI A PRATO

Sono tutti «made in Prato» i tessuti per i paramenti sacri che saranno indossati dai cinque prelati chiamati a celebrare sabato prossimo le nozze tra il principe ereditario di Spagna Felipe di Borbone e la giornalista tv Letizia Ortiz, nella cattedrale dell'Almudena. Antonio Maria Rouco Varela, arcivescovo metropolita di Madrid, due sacerdoti assistenti e altrettanti diaconi celebranti vestiranno un tipo di broccato analogo a quello creato espressamente per il papa Giovanni Paolo II in occasione del Giubileo 2000 e anche allora realizzato dagli industriali pratesi. A darne notizia è Carlo Longo, presidente dell'Unione industriale pratese, che ha sottolineato come l'omaggio collettivo degli imprenditori tessili di Prato per le nozze dell'erede al trono di Spagna costituiscano anche «un' occasione per mostrare al mondo le grandi capacità di Prato e d' Italia nel settore tessile e nella moda». In totale sono stati confezionati - a cura della X Regio di Treviso - sette paramenti: per il Cardinale stola, mitra e casula; per i sacerdoti e i diaconi quattro stole. Per tutti è stato utilizzato un tessuto di pura lana a quattro capi ritorti, ovvero realizzato con una tecnica particolarissima (usata solo per i paramenti sacri) che impedisce alla stoffa di prendere pieghe. Il colore è bianco; i bordi e il disegno centrale, a forma di lettera Tau allungata, sono invece tramati in lurex oro a quattro tonalità. Prato, con i suoi 43.000 addetti nel settore tessile-abbigliamento, è il maggior distretto tessile in Europa e le sue imprese forniscono tessuti e filati a tutti i più noti stilisti, italiani e internazionali. (ANSA).

SPAGNA: NOZZE REALI; TESSUTI PARAMENTI SACRI FATTI A PRATO
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento