Italia
stampa

Dal n. 46 del 19 dicembre 2004

Scelli a Prato: Croce Rossa, prima di tutto la pace

Dal 1980 al 1998 la Croce Rossa italiana è stata commissariata. Eppure nessuno ricorda chi fosse il commissario straordinario. Da due anni, dopo una breve parentesi con Maria Pia Garavaglia, il Governo Berlusconi ne ha disposto ancora la gestione straordinaria. Ma, questa volta, il nome del Commissario resterà nella memoria. Nel bene – secondo molti – e nel male, stando ai suoi detrattori. Sì, perché l'impronta di Maurizio Scelli sarà duratura. Se n'è avuta una riprova anche a Prato, venerdì 10 dicembre, durante una serata organizzata dal Comitato regionale dell'organizzazione umanitaria e dall'Ufficio diocesano per la pastorale sanitaria.
DI GIANNI ROSSI

Scelli a Prato: Croce Rossa, prima di tutto la pace

di Gianni Rossi
Ricordate Maria Pia Fanfani? Per anni la moglie del grande statista è stata alla guida del Comitato femminile della Croce Rossa italiana. Eppure tutti pensano che della principale organizzazione umanitaria fosse la presidente nazionale, tanto era riuscita a diventarne icona. Quando Maria Pia Fanfani si dava da fare tra spedizioni all'estero e serate di beneficenza, la Croce Rossa un vero presidente non l'aveva. Dal 1980 al 1998 è stata commissariata. Eppure nessuno ricorda chi fosse il commissario straordinario. Da due anni, dopo una breve parentesi con Maria Pia Garavaglia, il Governo Berlusconi ne ha disposto ancora la gestione straordinaria. Ma, questa volta, il nome del Commissario resterà nella memoria. Nel bene – secondo molti – e nel male, stando ai suoi detrattori. Sì, perché nella Croce Rossa l'impronta di Maurizio Scelli sarà duratura. Se n'è avuta una riprova anche a Prato, venerdì 10 dicembre, durante una serata organizzata dal Comitato regionale dell'organizzazione umanitaria e dall'Ufficio diocesano per la pastorale sanitaria. Titolo: «Verso la pace».

Ad ascoltare Scelli ci saranno state più di trecento persone. Tifo da stadio all'arrivo e alla partenza. Lui, Scelli, non si sottrae all'entusiasmo dei suoi. Quel suo fisico mingherlino, quasi sofferente, sembra perfino stonare con il personaggio. Il commissario conosce bene le critiche che gli vengono rivolte da più parti: aver politicizzato la Croce Rossa ed esporsi troppo ai riflettori: «Sono il commissario supermediatico», scherza in sala. Ma la scena la sa reggere eccome: «Questa è la sera delle sere – esordisce –: siamo qui per darci un mandato, essere operatori di pace». A Prato Scelli parla di pace ma si racconta anche, quasi si confida. «La pace non è un'utopia. È storia, è realtà di ogni giorno. La pace viene meno nel momento in cui una persona entra in ascensore e noi ci giriamo da quell'altra parte. Magari proprio chi va a manifestare – chiosa – poi non guarda il vicino di casa».

L'entusiasmo che trasmette è palpabile e – benché da una posizione di neutralità quale è la guida della Croce Rossa – non soltanto non fa mistero della propria fede cattolica ma quasi la sollecita nei suoi uomini. Scelli prima di venir nominato dal Governo nel 2002 Commissario straordinario è stato a lungo ai vertici dell'Unitalsi. Come segretario nazionale dal 1993 al 2001 ha impresso una svolta alla storica associazione che trasporta gli ammalati a Lourdes: grandi eventi – sua l'idea dei concerti di Gianni Morandi e di altri cantanti famosi – crociere per i disabili e piglio manageriale. «Mi avvicinai all'Unitalsi quasi perché costretto da mia madre, che voleva che ringraziassi la Madonna per essere uscito da una lunga malattia. Per me fu una svolta, quella di condividere la sofferenza e poter lottare per essa». Ma dopo diversi anni la stanchezza: «Portai un gruppo di bambini malati terminali ad Eurodisney. Ebbene, i gestori cercarono di dissuardermi, promettendo perfino un'offerta se li avessi portati altrove». Troppe, a suo dire, «le porte sbattute in faccia dal potere». Per questo decide di lasciare l'Unitalsi. «Qualcuno – aggiunge spiazzando i molti soci presenti in sala – tirò un sospiro di sollievo. Perché sono uno che ha rotto le scatole».

Nel 2001 arriva la breve esperienza politica, come candidato alla Camera dei Deputati per Forza Italia. Non viene eletto, ma pochi mesi dopo «arriva l'occasione della mia vita», come Scelli stesso la definisce: la Croce Rossa. E, soprattutto, la guerra in Irak con la decisione di partire «senza corso di preparazione e senza vaccinazioni». Un video ripercorre l'impegno – secondo molti controverso ma comunque decisivo – per la liberazione degli ostaggi. Qualcuno in sala nota che manca un cenno al povero Enzo Baldoni, l'unico caso del tutto irrisolto. Per Scelli la guerra ormai è finita da tempo. La questione Irak va sottratta al dibattito politico.

«Avete notato – afferma – che da quando è stato rieletto Bush è crollata l'attenzione sull'Irak? Forse certe manifestazioni erano davvero strumentali. Le contestazioni lasciamole a chi non ha niente da fare». Scrosciano gli applausi. Scelli cede la parola ad una cantante, che interpreta anche una preghiera del Papa. Vorrebbe le luci soffuse: commissario certo, ma ai suoi sembra voler apparire soprattutto straordinario: «Questa sera per noi è un capodanno, la nostra vita da stasera deve cambiare», è il mandato finale.

Il sito della Croce Rossa Italiana

Scelli a Prato: Croce Rossa, prima di tutto la pace
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento