Italia
stampa

Terremoto: Coldiretti, nel cratere 25mila aziende agricole. Danni per 2,3 miliardi

Si intitola «#stalletradite» ilDossier di Coldiretti, diffuso in occasione dell’iniziativa che oggi vede radunarsi in piazza Montecitorio, a Roma, agricoltori e allevatori delle aree terremotate di Marche, Abruzzo, Umbria e Lazio insieme ai propri animali e ai prodotti salvati dai crolli.

Terremoto (Foto Sir)

«Nelle aree rurali terremotate si contano danni diretti ed indiretti per 2,3 miliardi tra strade e infrastrutture, case rurali, stalle, fienili, magazzini» a cui vanno aggiunti quelli sull’intera filiera agroalimentare e «le perdite per il crollo della produzione di latte e delle coltivazioni e per gli effetti negativi sul commercio per la fuga dei turisti e dei residenti». È quanto emerge dal dossier Coldiretti «#stalletradite», diffuso in occasione dell’iniziativa che oggi vede radunarsi in piazza Montecitorio, a Roma, agricoltori e allevatori delle aree terremotate di Marche, Abruzzo, Umbria e Lazio insieme ai propri animali e ai prodotti salvati dai crolli. «Sono 25mila le aziende agricole e le stalle nei 131 Comuni terremotati», prosegue Coldiretti, sottolineando che si tratta di «imprese per la quasi totalità a gestione familiare (96,5%)». «Il terremoto ha colpito un territorio a prevalente economia agricola che occorre ora sostenere concretamente per non rassegnarsi all’abbandono e allo spopolamento», commenta il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo, secondo cui è importante che «la ricostruzione vada di pari passo con la ripresa dell’economia che in queste zone significa soprattutto cibo e turismo».

«I prodotti locali salvati dalle macerie – prosegue Coldiretti – rischiano ora di sparire per il crollo del 90% del mercato locale provocato dalla crisi del turismo e dallo spopolamento dovuto all’esodo forzato ma anche ai ritardi nella costruzione degli alloggi temporanei». Inoltre, «gli effetti del terremoto si sono sentiti sulle presenze nei 3400 agriturismi complessivamente attivi nelle regioni colpite dove i turisti sono più che dimezzati mentre nel cratere i 444 agriturismi presenti sono praticamente vuoti». «La Coldiretti chiede di incentivare il turismo nelle regioni colpite dal sisma prevedendo la detraibilità delle spese sostenute dai turisti per i soggiorni nelle strutture ricettive agrituristiche», conclude la nota.

Di fronte a questa situazione di assoluta emergenza Coldiretti Toscana rilancia sul fronte della solidarietà. «Nel corso dei mesi passati la “solidarietà contadina” ci ha portato ad inviare nelle zone colpite dal sisma prima roulotte e moduli abitativi – dice Tulio Marcelli Presidente di Coldiretti Toscana – poi abbiamo attivato la vendita delle Caciotte della Solidarietà in tutti i Mercati Campagna Amica della nostra regione, che hanno visto una vera e propria gara di solidarietà tra i consumatori toscani. Successivamente con l’iniziativa “dona un ballone” i tir Coldiretti carichi di fieno hanno solcato le strade con destinazione Abruzzo e Marche. Adesso è il momento delle “mungitrici della solidarietà”. Stanno per prendere il via due mungitrici a carrello, a doppio gruppo di mungitura, che saranno inviate agli allevatori di bovini che verranno segnalati dalla nostra unità di crisi presso Coldiretti nazionale».

«Queste zone – ricorda Antonio De Concilio, Direttore di Coldiretti Toscana – sono caratterizzate da una significativa presenza di allevamenti con circa 65 mila bovini, 40mila pecore e oltre 11mila maiali dalle quali si evidenzia anche un fiorente indotto agroindustriale con caseifici, salumifici e frantoi dai quali si ottengono specialità di pregio famose in tutto il mondo. Il crollo di stalle, fienili, caseifici e la strage di animali hanno limitato l’attività produttiva nelle campagne per questo abbiamo deciso di inviare queste mungitrici ai nostri colleghi meno fortunati, per poter dare un seppur piccolo contributo utile a conservare uno dei gioielli dello straordinario patrimonio dei nostri territorii».

Fonte: Sir
Terremoto: Coldiretti, nel cratere 25mila aziende agricole. Danni per 2,3 miliardi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento