Italia
stampa

Terremoto: oltre 7 milioni da 8xmille. Incaricati Cei e Caritas sui luoghi dell’emergenza. Papa costantemente informato

«Il Papa è informato costantemente. So che lui stesso ogni tanto chiama qualche vescovo e qualche realtà, è informatissimo. Lo ha detto il Segretario della Cei che, a margine di un incontro a Roma, ha fatto anche il punto sulla mobilitazione della Chiesa italiana per i terremotati.

L'emergenza neve per i terremotati (Foto Sir)

«7 milioni e 200mila»: questi i fondi dell’ 8xmille stanziati dalla Cei, «300mila a disposizione di ogni diocesi ancora prima di questa nevicata per mettere al sicuro strutture ecclesiali e per creare in ogni paese almeno un luogo non solo di culto, ma di socializzazione secondo queste priorità: persone, attività produttive, luoghi di socializzazione, chiese». Lo ha detto oggi al Sir il segretario generale della Cei, monsignor Nunzio Galantino, a margine della presentazione del progetto di ricerca «Educarsi alla Bellezza». «Ci siamo trovati – confida – di fronte a situazioni in cui la Chiesa diventa tutte e tre queste realtà, raccoglie tutte le attese». Ad Amatrice e a Camerino la sala della comunità ospita l’ambulatorio. «Sì – risponde -. La chiesa è sempre presente , grazie all’8xmille si sta intervenendo con grande facilità e immediatezza. Oggi i nostri incaricati Cei e Caritas sono tutti dislocati sui luoghi colpiti dall’emergenza. Ogni direttore sta avendo contatti con gli omologhi sul luogo. La situazione è drammatica perché è esteso il teatro di questa realtà in cui si sommano terremoto e neve».

L'emergenza più grave è il disagio psicologico. Secondo i vescovi dei territori colpiti dalle nuove scosse di terremoto – ha spiegato ancora Galantino, che è in contatto telefonico con i presuli delle diocesi terremotate e sepolte sotto la neve - il disagio psicologico delle persone è l’emergenza più grave. Al tempo stesso la gente percepisce la vicinanza della Chiesa. «Alcuni di loro – riferisce ai giornalisti – mi hanno detto: ‘Senti don Nunzio, noi non sappiamo veramente che cosa fare. La difficoltà è in questo momento quella materiale di arrivare nei posti’». «La cosa più importante e bella che mi è stata detta non solo dai vescovi – aggiunge però il segretario Cei – ma anche da altri interlocutori che abbiamo costantemente sul territorio – Tv2000, Avvenire, Sir, Radioinblu – è questo sentire la presenza della Chiesa come importante. Sapere che in ogni paesino c’è un punto di riferimento che è il sacerdote o l’istituto religioso, in questo momento tiene accesa un po’ di speranza». Galantino invita a evitare «colpevolizzazioni semplificatrici» che «non servono a nessuno» e spiega: «Le disponibilità ci sono da parte del governo, e anche attraverso l’8xmille stiamo investendo moltissimo, ma rimane la difficoltà oggettiva di raggiungere luoghi e persone. I vescovi dicono che il problema in questo momento non è il terremoto ma la neve, e che la gente sta apprezzando tutto quello che si sta facendo. Quasi tutti gli uomini del Genio sono sul posto, ma l’ampiezza della situazione di disagio crea gravi difficoltà».

«Il Papa è informato costantemente – ha detto ancora il Segretario della Cei -. So che lui stesso ogni tanto chiama qualche vescovo e qualche realtà, è informatissimo. Non solo invita alla preghiera ma sta stimolando noi come Conferenza episcopale a fare tutto il possibile per far sentire la vicinanza della Chiesa a queste realtà» colpite dal terremoto.

Fonte: Sir
Terremoto: oltre 7 milioni da 8xmille. Incaricati Cei e Caritas sui luoghi dell’emergenza. Papa costantemente informato
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento