Italia
stampa

Viareggio, l'assurdità di quelle bare

I funerali di Stato non dovrebbero esistere, perché a monte c'è sempre una tragedia, dovuta sia per cause naturali – perché c'è sempre un sia pur minimo concorso di colpa – quanto e soprattutto per responsabilità diretta o indiretta dell'uomo. Ebbene, i funerali di Stato che si sono svolti martedì scorso allo Stadio dei Pini di Viareggio, di fronte all'assurdità di quindici bare allineate sul prato – di cui due bianche perché contenenti i corpi straziati di due bambini – rientrano in questa seconda categoria. Salite a 26 le vittime | Benedetto XVI: «Mai più incidenti come questo» | Mons. Castellani: nel dolore uniti all'Aquila | La strage di Viareggio e il senso del lavoro umano
DI MARIO PELLEGRINI

Parole chiave: italo benevenuto castellani (11), viareggio (80)
Viareggio, l'assurdità di quelle bare

di Mario Pellegrini

I funerali di Stato non dovrebbero esistere, perché a monte c'è sempre una tragedia, dovuta sia per cause naturali – perché c'è sempre un sia pur minimo concorso di colpa – quanto e soprattutto per responsabilità diretta o indiretta dell'uomo. Ebbene, i funerali di Stato che si sono svolti martedì scorso allo Stadio dei Pini di Viareggio, di fronte all'assurdità di quindici bare allineate sul prato – di cui due bianche perché contenenti i corpi straziati di due bambini – rientrano in questa seconda categoria, visto che la morte – per alcuni immediata, per altri dopo indicibili sofferenze – è piombata improvvisa senza un perché – o per tanti, troppi perché - su quindici innocenti (altri sette erano già volati per la loro terra di origine: il Marocco. Sotto un sole cocente, migliaia e migliaia di persone – venti, venticinquemila? – hanno atteso pazientemente l'arrivo del Capo dello Stato Giorgio Napolitano e dei presidenti del Senato Schifani e della Camera Fini, a loro volta accompagnati dai ministri Ronchi e Matteoli.

Ma al di là del commovente incontro del Presidente della Repubblica con i più stretti familiari delle vittime, il momento più toccante è stato il minuto di silenzio richiesto prima che iniziasse la cerimonia ufficiale. D'improvviso, una folla enorme già composta e consapevole del particolare momento che stava vivendo, ha fatto precipitare tutto lo Stadio in un'atmosfera irreale poi sfociata nel prolungato applauso che ha finito col rompere l'irreale incantesimo.

Prima del rito religioso l'Arcivescovo di Lucca Italo Castellani ha dato lettura del messaggio del Papa inviato dal Segretario di Stato Vaticano Cardinale Tarcisio Bertone e poi del Presidente della Cei cardinale Angelo Bagnasco per conto di tutta la Chiesa italiana. Quindi, nel palco innalzato di fronte alle bare, alle tende dove avevano preso posto i familiari delle vittime, ed alla tribuna centrale, riservata a tutte le altre autorità presenti ed ai sindaci di gran parte della Toscana, ha avuto inizio la solenne Concelebrazione Eucaristica presieduta dall'Arcivescovo, Italo Castellani, con la partecipazione del vescovo emerito di Lucca Bruno Tommasi e dei vescovi di Pistoia Mansueto Bianchi, di San Miniato Fausto Tardelli (ambedue provenienti dalla Diocesi di Lucca) e di Massa-Carrara-Pontremoli Eugenio Binini (tre delle vittime erano parenti di un suo sacerdote), oltre che di una quarantina di sacerdoti delle parrocchie versiliesi, sia della Diocesi di Lucca che di Pisa e Massa Carrara-Pontremoli.

Particolarmente toccante è poi risultata l'omelia-preghiera dell'arcivescovo Castellani che, alternando momenti di illuminata lucidità ad altri di intensa commozione, dopo aver ricordato l'altra tragedia dell'Abruzzo, si è soffermato sul valore della vita umana, su quello della sofferenza - di cui ancora molti provano nel corpo e dei congiunti che all' improvviso hanno perduto una parte di loro - ma anche su quello della solidarietà, di cui Viareggio è stata splendida testimone attraverso l'opera dei Volontari di Protezione Civile, dei Vigili del Fuoco e delle Forze dell'Ordine che nell'occasione hanno anche fatto la scorta d'onore a quanti hanno perduto la vita nella tragica notte fra il 29 e il 30 giugno.

Con il canto di “Panis angelicus” da parte di Andrea Bocelli e quindi con il corteo dei quindici carri funebri che hanno percorso la pista dello Stadio per far ricevere agli scomparsi l'ultimo caloro applauso da parte della folla che, malgrado il caldo afoso, è rimasta composta al proprio posto fino all'ultimo istante. E qui ha avuto termine l'ufficialità della cerimonia di Stato, poi proseguita privatamente dal Presidente Napolitano all'Ospedale Versilia, dove si è recato al capezzale dei feriti qui ricoverati e incontrare i familiari che seguono con apprensione il decorrere della degenza.

Salite a 26 le vittime

Diocesi di Lucca, raccolta offerte messe parrocchiali per i colpiti dal disastro ferroviario
Sarà la Caritas diocesana di Lucca a gestire tutte le offerte che andranno a coprire l'emergenza in corso a Viareggio. in particolare domenica 12 luglio, tutte le parrocchie della diocesi sono state invitate con una lettera dell'Arcivescovo di Lucca, mons. Italo Castellani, a devolvere, con le solite modalità, presso la Curia le offerte delle messe domenicali per dare un contributo anche economico ai colpiti dal disastro ferroviario. «La tragedia che ha investito le comunità di Viareggio nella notte del 30 giugno scorso, chiama alla carità tutta la nostra Chiesa e invita tutti noi a stringerci intorno al dolore di quanti hanno perso persone care e hanno visto distrutte le loro abitazioni e i loro beni» scrive nella lettera mons. Castellani. «Invito anche tutti noi, comunità della Chiesa di Lucca, a farci segno tangibile, della misericordia del Padre e a manifestare la nostra vicinanza, stringendoci in una preghiera assidua insieme alle vostre comunità perché quanti sono nel dolore possano trovare conforto e sollievo». «In questi primi giorni di emergenza, le parrocchie della città si sono coordinate per fornire anche un primo aiuto materiale a quanti erano nel bisogno e hanno messo a disposizione spazi per l'ospitalità degli sfollati e organizzato punti mensa». Già da domenica scorsa, 5 luglio, le parrocchie di Viareggio hanno destinato la raccolta delle offerte dei fedeli ai bisogni provocati dal disastro ferroviario. Ora continua l'Arcivescovo nella lettera ai parroci «invito anche tutte le vostre comunità, se lo riterrete opportuno, a segnalare la propria solidarietà, promuovendo una raccolta di offerte per la comunità viareggina, la domenica 12 luglio prossima, in particolare per andare incontro alle esigenze di quanti si troveranno nel bisogno nei prossimi mesi, in coordinamento con le Istituzioni del territorio e quanti sono deputati alla gestione di questa fase di emergenza e per la Croce Verde cha ha subito danni ingenti alle strutture e ai mezzi. Che il dolore che stiamo vivendo, faccia crescere in noi il senso fraterno della condivisione e del reciproco soccorrere».

Sabato 4 luglio l'incontro con il Papa dell'arcivescovo di Lucca
Sabato 4 luglio, l'Arcivescovo di Lucca, mons. Italo Castellani, ha incontrato in forma privata il Papa. Il colloquio è avvenuto a margine di un Convegno europeo sulle vocazioni. Mons. Castellani avrebbe dovuto presiederlo, ma per rimanere vicino a Viareggio ha scelto di andare solo per tenere la sua relazione prevista sabato mattina e per partecipare subito dopo, insieme a tutti i convegnisti, all'incontro con il Papa. Poi il fuori programma: l'incontro personale. Racconta mons. Castellani: «Benedetto XVI mi ha accolto dimostrandomi ancora la sua compartecipazione al dolore della città di Viareggio, si è voluto informare sulla situazione, e poi ha assicurato ancora la sua vicinanza a tutti i colpiti da questo evento, anticipandomi che sarebbe intervenuto in merito alla tragedia di Viareggio all'Angelus del giorno dopo».

Benedetto XVI: «Mai più incidenti come questo»

I funerali, Mons. Castellani: nel dolore uniti all'Aquila

Viareggio piange i suoi morti

Camera ardente allestita al Palasport

La tragedia di Viareggio

Guarda dinamica incidente

Mons. Castellani: «Chiarire al più presto»

Viareggio, un boato e scoppia l'inferno (di Mario Pellegrini)

Il cordoglio del Papa

Viareggio, non si può morire così

La strage di Viareggio e il senso del lavoro umano (Di Leonardo Salutati)

Trenta «treni-bomba» ogni giorno in Toscana

Viareggio, l'assurdità di quelle bare
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento