Italia
stampa

Volontariato patrimonio Unesco: pieno sostegno dalle Misericordie della Toscana, dove il volontariato è nato.

“Riconoscere il volontariato nel patrimonio culturale immateriale Unesco qualificherebbe la solidarietà attiva come valore fondamentale della società umana. Oggi più che mai ce n’è bisogno e dalla Toscana, dov’è nata la prima forma di volontariato al mondo, arriverà un pieno e forte sostegno a questa proposta.” A dirlo è il presidente della Federazione delle Misericordie della Toscana, Alberto Corsinovi, dopo che ieri la candidatura del volontariato come patrimonio culturale immateriale Unesco è stata presentata alla stampa.

Corsinovi

Proprio la Misericordia di Firenze, nata nel 1244, è considerata la più antica associazione di volontariato ancora attiva. “Fare del bene fa bene – aggiunge Corsinovi – e questo sarebbe un riconoscimento importante per tutti coloro, e sono tanti, che già fanno volontariato nella loro vita, non come un impegno residuale, nel tempo libero, ma come una parte essenziale del proprio essere. In questo senso l’inserimento nel patrimonio Unesco è il riconoscimento di qualcosa di reale, per milioni di persone, come possiamo testimoniare con la capillare presenza delle nostre Misericordie nelle comunità e sul territorio toscano.”

“Anni fa fummo anche accusati di concorrenza sleale verso le imprese per l’impegno nel soccorso sanitario; un riconoscimento come questo significherebbe che, forse, complice la pandemia, si è capito quanto sia fondamentale per l’Umanità il dono e la gratuità, il riconoscere sé stessi nell’altro o, com’è per noi, vederci il volto di Dio.”

Fonte: Comunicato stampa
Volontariato patrimonio Unesco: pieno sostegno dalle Misericordie della Toscana, dove il volontariato è nato.
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento