Lettere
stampa

Referendum, firme solo se ammessi

Parole chiave: corte costituzionale (58), legge elettorale (51), referendum (50)

Mi chiedo e vi chiedo una cosa molto semplice: perché la Consulta non prende in esame prima della raccolta delle firme il quesito che il comitato dei promotori intende sottoporre ai cittadini? Si eviterebbe così una perdita di tempo e di danaro oltre, e forse è la cosa più importante, una sensazione di sfiducia del tipo: «È inutile che firmi o mi dia da fare, tanto…». Sembrerebbe una cosa logica, ma forse la logica termina dove inizia la politica!
Ciro Rossi
Arezzo

Le regole attuali (legge 357/1970) prevedono che chi vuol indire una consultazione di iniziativa popolare deve presentare domanda, corredata da almeno 500 mila firme autenticate, all'Ufficio centrale per il referendum, che è costituito presso la Cassazione, dal 1° gennaio al 30 settembre. L'Ufficio verifica, entro il 31 ottobre, che le proposte siano conformi alle norme di legge, «esclusa la valutazione dell'ammissibilità» che – come prevede l'art. 75 della Costituzione – è demendata alla Corte costituzionale, entro il 20 gennaio dell'anno successivo.

Dal primo referendum (quello sul divorzio), celebrato nel 1974, fino ad oggi sono tanti i problemi emersi riguardo all'istituto del referendum abrogativo (quesiti incomprensibili, poche firme necessarie, uso distorto dello strumento, quorum troppo rigido, aggiramento dei risultati...). Tra questi metterei anche quello giustamente segnalato dal lettore. Anche perché frustra la voglia di partecipazione attiva dei cittadini alla vita politica del Paese. Ma capisco anche la difficoltà oggettiva ad investire la Corte costituzionale della complessa e laboriosa verifica di ammissibilità di decine e decine di ipotetici quesiti. Esser costretti a raccogliere prima le firme è comunque un deterrente che lascia arrivare alla Consulta solo pochi casi di ammissibilità.

Piuttosto i promotori dovrebbero riflettere bene prima di partire con la raccolta delle firme. È vero che l'ultima proposta di referendum sulla legge elettorale, poi bocciato dalla Consulta, aveva il sostegno di un buon numero di costituzionalisti, ma chi s'intende di queste cose sapeva bene che il rischio di una dichiarazione di inammissibilità era fortissimo. E con esso anche quello di sortire l'effetto contrario di «rafforzare», cioé, la legge che si intendeva abrogare.

Claudio Turrini

Referendum, firme solo se ammessi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento