Mondo

Mondo stampa

Nel corso del 2017 i conflitti nel mondo sono stati 378, tra cui la maggioranza dimenticati. Di questi, 20 sono guerre ad elevata intensità che coinvolgono 15 Paesi. Negli ultimi anni si è però verificato un decremento del 7,6% dei conflitti: erano 409 nel 2014. È quanto emerge dalla sesta edizione del rapporto di Caritas Italiana sui conflitti dimenticati nel mondo, pubblicata dal Mulino, con la collaborazione di Famiglia Cristiana, Avvenire e ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (Miur).

In Europa - secondo il rapporto Amnesty 2018 - l'anno è stato caratterizzato «dall'aumento dell'intolleranza, dell'odio e della discriminazione, in un contesto di progressivo restringimento degli spazi di libertà per la società civile». Richiedenti asilo, rifugiati e migranti sono stati «respinti o abbandonati nello squallore mentre gli atti di solidarietà sono stati criminalizzati».

(Bruxelles) Manca solo il via libera finale del Parlamento europeo (settimana prossima in plenaria a Strasburgo) e del Consiglio, e il bilancio Ue 2019 sarà definitivamente approvato e poi operativo. L'accordo raggiunto tra le due autorità di bilancio (appunto Europarlamento e Consiglio dei ministri Ue) segue una lunga trattativa sviluppatasi mesi fa dopo la proposta di bilancio, che spetta alla Commissione.

«Non hanno niente di cristiano e agiscono con una mente criminale, da terroristi». Così il presiedente del Nicaragua, Daniel Ortega, ai vescovi della Conferenza episcopale nicaraguense (Cen) in seguito alla diffusione del Messaggio per l'Avvento, nel quale i pastori rivolgono ancora una volta un appello per la ripresa del dialogo tra le parti, a oltre sette mesi dall'inizio delle manifestazioni popolari e democratiche contro il Governo.

Una «chiara, lungimirante e forte volontà politica» è necessaria per limitare il riscaldamento globale e raggiungere gli obiettivi dell'Accordo di Parigi del 2015 sul cambiamento climatico. Il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato vaticano, è intervenuto alla Cop24 in corso a Katowice (Polonia) portando anzitutto il saluto e le espressioni di «vicinanza, sostegno e incoraggiamento» da parte di Papa Francesco ai lavori della stessa conferenza sul clima e la tutela dell'ambiente.

In una nota del superiore della Società per le Missioni africane di benin-Niger, pervenuta all'agenzia Fides si riferisce che secondo il vescovo della diocesi di Niamey, mons. Djalwana Laurent Lompo, padre Pier Luigi Maccali, rapito lo scorso 17 settembre in Niger, «è vivo e sta bene».

Il documento finale mostra che a Buenos Aires non c'è stata convergenza almeno su tre punti. Sul tema delle migrazioni il «dialogo è rimandato alla prossima presidenza». Sulle questioni ambientali gli Usa «ribadiscono la decisione di recedere dall'accordo di Parigi». Su commercio e investimenti internazionali, si dichiara «non all'altezza il sistema commerciale multilaterale».