Mondo
stampa

Assemblea Onu: Santa Sede, la «Road map» per la pace nella Repubblica Centrafricana

Intervenendo all'Assemblea generale delle Nazioni Unite, in corso a New York, l'arcivescovo Paul Richard Gallagher ha illustrato una road map in cinque i punti per la pace nella Repubblica Centrafricana. E alla conferenza sul bando totale degli esperimenti nucleari si è detto «turbato» dal fatto che il Trattato, a 20 anni di distanza, non è stato ancora ratificato da tanti stati.

Assemblea generale Onu (Foto Sir)

(da New York) Sono cinque i punti della «Road map» per la pace nella Repubblica Centrafricana proposti dalla Santa Sede, martedì 19 settembre, durante l’incontro dedicato alla grave situazione del Paese alla 72ª assemblea generale delle Nazioni Unite.

Per il rappresentante vaticano, l’arcivescovo Paul Richard Gallagher, segretario per le relazioni con gli Stati, il dialogo dovrebbe vertere su un cessate-il-fuoco di tutte le parti coinvolte nel conflitto; il disarmo dei gruppi armati e il reinserimento dei loro membri nella società civile; la garanzia della giustizia per le vittime degli attacchi; il ritorno protetto di migranti e rifugiati, sia cristiani che musulmani, che dovrebbero rientrare in possesso delle proprietà sottratte dai guerriglieri.

La Santa Sede si dichiara «molto preoccupata per l’intensificarsi del conflitto in corso e per i tanti civili indifesi, morti e feriti durante gli attacchi, a cui si aggiunge la gravissima situazione di rifugiati e sfollati interni». L’arcivescovo non lesina apprezzamenti per la missione di stabilizzazione dell’Onu (Minusca) a Bangui, la capitale, ma chiede di «estenderne il mandato con azioni di pace più efficaci nella tutela dei civili, soprattutto donne e bambini (tra i più soggetti ad abusi e violenze) senza distinzione di fede religiosa o rango, al fine di evitare parzialità e guadagnare la fiducia della popolazione locale».

Chiaro è il richiamo alla Comunità internazionale perché fornisca gli aiuti finanziari e le strutture necessarie alla crescita del Paese e altrettanto vigoroso è l’invito al governo nazionale a ridurre e combattere la corruzione, a garantire l’accesso all’assistenza sanitaria e all’educazione ai cittadini di ogni livello senza discriminazione e a lavorare per il dialogo, «unica soluzione di ogni conflitto armato e unico modo per far tacere le armi e dar vita alla riconciliazione».

La Chiesa cattolica locale, dal canto suo, «s’impegna insieme ad altre Confessioni religiose, a cercare ciò che unisce, rifiutando ciò che provoca divisioni o contese, poiché la ricerca della pace viene prima di ogni altro bene», ha ribadito monsignor Gallagher, a conclusione del suo intervento.

«Le armi nucleari non possono creare un mondo stabile e offrono un falso senso di sicurezza. La pace e la stabilità internazionale non possono essere fondati sulla distruzione reciproca o sulle minacce di annientamento», ha detto l’arcivescovo Paul Richard Gallagher, intervenendo alla decima conferenza sul «Bando totale degli esperimenti nucleari» organizzata il 20 settembre in occasione della 72ª Assemblea generale dell’Onu.

L’arcivescovo ha ribadito che la Santa Sede ha ratificato e aderito al Trattato per il bando totale degli esperimenti nucleari (Ctbt), ma è «turbata» dal constatare che all’appello mancano tanti Stati che ne impediscono, dopo 20 anni, la piena entrata in vigore. Il Trattato sul Bando totale degli esperimenti nucleari (Ctbt) impegna i sottoscrittori a non effettuare esperimenti sul proprio territorio e a non incoraggiare o partecipare a tali esperimenti in altri Stati, al fine di limitare la proliferazione, l’ammodernamento e la creazione di armi nucleari di ultima generazione o lo sviluppo, l’aggiornamento e la creazione di nuove generazioni di armi nucleari. India, Pakistan e Corea del Nord, non hanno ancora firmato il Trattato, mentre Stati Uniti, Cina, Egitto, Iran, Israele e Indonesia non hanno ancora proceduto alla ratifica assieme ad altri 38 Paesi giudicati a capacità nucleare avanzata.

Il rappresentante vaticano considera quanto mai urgente l’entrata in vigore del documento soprattutto guardando alle crescenti tensioni con la Corea del Nord e ai nuovi programmi di proliferazione nucleare che minano seriamente la sicurezza internazionale.

Monsignor Gallagher chiede di rilanciare i negoziati e deplora l’uso di minacce o della forza militare per contrastare l’ascesa nucleare. «Dobbiamo gettare alle spalle le minacce, la paura, la superiorità militare, l’ideologia e l’unilateralismo – ha sottolineato – perché la pace basata su equilibri di potere, minacce e controminacce è una pace instabile e falsa». L’invito ultimo è quello di sostituire alla logica della sfiducia e della paura, «l’etica della responsabilità, del dialogo multilaterale e della cooperazione coerente e responsabile tra tutti i membri della comunità internazionale».

Assemblea Onu: Santa Sede, la «Road map» per la pace nella Repubblica Centrafricana
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento