Mondo
stampa

Assemblea Onu; card. Parolin, costruire la pace attraverso la speranza e la fraternità

L’intervento del cardinale Segretario di Stato alla 76.ma Sessione dell'Assemblea Generale. Costruire la resilienza attraverso la speranza: per riprendersi dal COVID19, ricostruire in modo sostenibile, rispondere ai bisogni del pianeta, rispettare i diritti delle persone e rivitalizzare le Nazioni Unite

Percorsi: Onu - parolin
Assemblea Onu; card. Parolin, costruire la pace attraverso la speranza e la fraternità

Di seguito l'Intervento che il cardinale pubblicato dalla Sala Stampa Vaticana 

Signor Presidente,

Sono lieto di estendere a voi ea tutti i rappresentanti delle Nazioni il cordiale saluto di Papa Francesco. Nella sua Lettera Enciclica Fratelli Tutti su fraternità e amicizia sociale, Papa Francesco ha esaminato le numerose sfide che la comunità internazionale deve affrontare, come guerre e conflitti, maltrattamenti e violenze, fame e povertà, disuguaglianza ed emarginazione, individualismo e sfiducia, estremismo e polarizzazione, attacchi alla dignità umana, il COVID -19 pandemia e minacce per l'ambiente, tra le altre "nuvole scure". Per affrontare efficacemente tali difficoltà, dobbiamo avvicinarci ad esse con “speranza rinnovata” basata sugli “abbondanti semi di bene nella nostra famiglia umana”, come quelli seminati eroicamente in risposta alle dimensioni mediche, sociali, economiche e spirituali della pandemia. Tali azioni rivelano, ha indicato, che la medicina di cui il mondo ha bisogno non è “l'isolamento e il ripiegamento nei propri interessi. Il tema di questo Dibattito Generale, "Costruire la resilienza attraverso la speranza", focalizza la nostra attenzione sull'importanza cruciale della speranza nelle vicende umane. La speranza è diversa dall'ottimismo, che è l'aspettativa che le cose andranno bene, o l'idea che in qualche modo la storia si svilupperà inevitabilmente su una traiettoria ascendente. Sappiamo invece che le nostre conquiste non sono inattaccabili: il mantenimento della pace, la tutela e la promozione dei diritti umani, il progresso dello sviluppo umano integrale, la cura della nostra casa comune, non devono mai essere date per scontate, ma vanno ricercate e assicurato da ogni generazione. Man mano che sorgono nuove crisi e altre persistono, dobbiamo sperare di perseverare nell'affrontarle. La speranza ci tiene motivati quando i problemi ei disaccordi sembrano irrisolvibili, facilita il perdono, consapevoli che attraverso la riconciliazione può esserci un futuro migliore. Promuove la resilienza e ci ispira a lavorare sodo anche quando potremmo non essere in grado di vedere i risultati raggiunti nella nostra vita.  Per noi cristiani la speranza è il dono più divino che possa esistere nel cuore dell'umanità ( cfr. Udienza Generale, 27 settembre 2017 ). Vede e ama ciò che sarà, nel tempo e nell'eternità ( Charles Peguy, Il portale del mistero della speranza ): la speranza «è attesa, fervente attesa, appassionata dal compimento ultimo e definitivo di un mistero, il mistero dell'amore di Dio» ( Udienza Generale, 15 ottobre 2014 ). 

Signor Presidente, 

Papa Francesco ha dichiarato l'anno scorso nel suo discorso all'Assemblea Generale che “non esci mai da una crisi così come eravamo. Ne usciamo o meglio o peggio».[2] Per uscire meglio dalla pandemia di COVID-19, dobbiamo costruire su un rinnovato senso di solidarietà fraterna. La pandemia ci ha insegnato quanto sia interconnesso il nostro mondo, come ogni Stato abbia le proprie vulnerabilità e che nessuno Stato è in grado di risolvere da solo la crisi. La resilienza richiede che la comunità internazionale metta in atto gli impegni espressi durante la sessione speciale dell'Assemblea generale sul COVID-19 lo scorso dicembre. Dobbiamo lavorare insieme per porre rimedio alla situazione di coloro che sono ai "margini farmaceutici",[3] e per alleviare le inutili sofferenze e la morte che loro e tanti altri hanno e continuano a sopportare. Questo è particolarmente vero per quanto riguarda i vaccini, che devono essere a disposizione di tutti, soprattutto nelle aree di conflitto e nei contesti umanitari. La resilienza richiede un rinnovato esame di come i sistemi sanitari siano stati ampiamente sopraffatti dalla pandemia e abbiano lasciato così tanti senza cure sufficienti o alcuna cura. Ancora oggi molti non hanno accesso ai test, alle cure di base, ai vaccini e nemmeno alle infrastrutture energetiche che renderebbero possibile tale cura. La resilienza richiede un esame della fragilità e delle carenze dei nostri sistemi economici, che hanno lasciato molti indietro a causa della grave crisi economica e hanno reso i poveri ancora più vulnerabili. Infine, la resilienza implica perseveranza nella lotta alla corruzione, poiché il danno della corruzione è diventato particolarmente esposto tra i fallimenti politici e distributivi della pandemia. 

Signor Presidente,

La pandemia ha avuto un impatto negativo sui programmi e sulle attività di sviluppo, nonché sull'attuazione dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Cinque anni di progressi sui 17 obiettivi di sviluppo sostenibile sono stati fermati, e in alcuni casi annullati, dal virus e dalle sue conseguenze. Realizzare lo sviluppo sostenibile entro il 2030, che due anni fa sembrava essere una lotta in salita senza alcuna certezza di successo, è ora diventata una sfida così ardua che saranno necessari enormi sforzi. Per ricostruire in modo sostenibile, dobbiamo ripensare al rapporto tra individui ed economia e fare in modo che sia i modelli economici che i programmi di sviluppo rimangano al servizio degli uomini e delle donne, in particolare di quelli ai margini della società, piuttosto che sfruttare sia le persone che le risorse naturali.[5] Lo sviluppo sostenibile, se veramente al servizio della persona umana, deve incorporare anche i poveri ei loro doni e creatività come agenti del proprio sviluppo integrale. Dobbiamo liberare la promessa e la speranza che incarnano, per il loro bene e per il bene dell'intera comunità umana.

Signor Presidente,

L'imminente COP 26 a Glasgow è un'importante opportunità di resilienza, poiché la comunità internazionale ha la possibilità di impegnarsi nuovamente per la protezione della nostra casa comune. Siamo costretti a rafforzare la nostra ambizione, dal momento che stiamo attualmente sperimentando gli effetti di decenni di inattività in termini di inondazioni estreme, siccità, incendi, scioglimento dei ghiacciai, abbassamento delle coste, malnutrizione e malattie respiratorie che l'aumento delle temperature sta precipitando. È tempo di agire. I tragici disastri naturali che hanno colpito i nostri fratelli e sorelle ad Haiti, un popolo che già soffre di sfide politiche e umanitarie, è un chiaro invito alla comunità internazionale a lavorare insieme in solidarietà per uno sviluppo durevole e sostenibile di cui il popolo di Haiti possa essere i principali protagonisti. L'attenzione recente verso l'ambiente ha generato grandi progressi nella tecnologia, consentendoci di provvedere ai nostri bisogni in modo sostenibile. La creatività umana e l'innovazione per migliorare l'efficienza e ridurre i costi dell'energia pulita stanno rendendo più facili le scelte rispettose dell'ambiente da parte di governi e individui. Tali innovazioni, pur stimolando una simile creatività imprenditoriale, ispirano anche speranza.

Signor Presidente,

La speranza, troppo spesso, viene negata e resta inafferrabile per così tante donne e uomini, ragazzi e ragazze a causa di un'altra minaccia creata dall'uomo alla nostra esistenza comune, vale a dire la guerra, i conflitti e il possesso e l'uso di armi di distruzione di massa. Il flagello della guerra porta morte e distruzione, danneggia l'ambiente, devasta le comunità e così spesso intrappola regioni e paesi in una spirale discendente. Purtroppo, continuiamo a testimoniare il terribile impatto di crisi e conflitti in tutto il mondo. Il recente aggravamento della situazione umanitaria in Afghanistan e le tensioni politiche in corso in Siria e in Libano, così come in altri luoghi, sono un duro promemoria dell'impatto che i conflitti esercitano su popoli e nazioni. I danni ai nostri simili e al nostro pianeta sono motivo di particolare preoccupazione per quanto riguarda le armi nucleari e le armi biologiche e chimiche. La minaccia delle armi nucleari, possedute sotto le spoglie della deterrenza nucleare, crea un ethos di paura basato sull'annientamento reciproco e avvelena le relazioni tra i popoli, ostacola il dialogo e mina la speranza. Le questioni umanitarie e di sicurezza ci impongono di porre fine alla corsa agli armamenti nucleari e di intraprendere misure efficaci verso il disarmo nucleare, la non proliferazione e il divieto. L'entrata in vigore lo scorso gennaio del Trattato per la proibizione delle armi nucleari (TPNW) rappresenta un importante passo avanti. È ferma speranza della Santa Sede che ciò stimolerà anche progressi nell'attuazione del Trattato di non proliferazione delle armi nucleari (TNP),

Signor Presidente,

Papa Francesco considera una delle più gravi cause di preoccupazione nel mondo di oggi la “crisi dei rapporti umani” scaturita da un modo di vivere dominato dall'egoismo e dalla cultura dello spreco, dove i valori umani e la relativa dignità trascendente della persona sono spesso calpestati.[8] Questa “crisi antropologica” non è una disputa filosofica o accademica, ma una crisi con enormi conseguenze pratiche per i diritti umani. Le nostre società di oggi sono teatro di molte ingiustizie dove gli esseri umani vengono maltrattati, sfruttati, ignorati, uccisi o lasciati a languire nelle emergenze umanitarie. Donne e ragazze, persone di diversa estrazione indigena, razziale, etnica e linguistica subiscono violenze e oppressione o sono ridotte a cittadini di seconda classe. Troppo spesso, il diritto umanitario è considerato una raccomandazione piuttosto che un obbligo da parte sia degli attori statali che non statali. Rifugiati, migranti e sfollati interni sono sempre più lasciati in un limbo o addirittura lasciati annegare, non graditi e incapaci di trovare una nuova casa per crescere la propria famiglia in dignità, pace e sicurezza. I credenti religiosi subiscono vessazioni, persecuzioni, morte e persino genocidi a causa della loro fede. Gli anziani e le persone con disabilità sono messi da parte, soprattutto quando sono fragili o considerati gravosi. I bambini innocenti sono ritenuti problematici, scartati dalla società ancor prima che nascano o abbiano la possibilità di portare al mondo il proprio, unico contributo. La famiglia, che la Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo riconosce come “unità di gruppo naturale e fondamentale della società”, è travisato. Ciò è evidente anche nelle nuove interpretazioni dei diritti umani esistenti, separati dai loro valori universali sottostanti. In molti casi, i “nuovi diritti” non solo contraddicono i valori che dovrebbero sostenere, ma sono imposti nonostante l'assenza di qualsiasi fondamento oggettivo o consenso internazionale.[10] La Santa Sede ritiene che, pur privando i diritti umani della loro originaria dimensione universale, queste nuove interpretazioni parziali diventino tristemente il punto di riferimento ideologico del “progresso” spurio e un altro motivo di polarizzazione e divisione. Purtroppo, stiamo affrontando questo problema nella costante ricerca di introdurre nuove controverse agende che guidino i processi delle Nazioni Unite contrari ai mandati dati dagli organismi. In un'epoca in cui molti diritti umani universali continuano ad essere violati impunemente, questi tentativi di fatto confondono, distolgono dall'attuazione delle convenzioni sui diritti umani e impediscono l'attenzione e l'energia che meritano la promozione e la tutela dei diritti umani fondamentali e della dignità. Dobbiamo costruire la resilienza attraverso la speranza e il consenso in questa nobile istituzione, difendendo al contempo i diritti umani e le libertà fondamentali, compreso il diritto alla vita, alla libertà di pensiero, coscienza e religione, e alla libertà di opinione e di espressione, e non minarli.

Signor Presidente,

Per favorire la resilienza necessaria per aiutare il mondo a emergere meglio dalle varie crisi che affrontiamo, le Nazioni Unite devono essere costantemente rinnovate attraverso il ritorno con maggiore fedeltà e determinazione ai principi e agli scopi fondamentali sanciti nella sua Carta. Vera rivitalizzazione significa non solo rendere più efficienti strutture e meccanismi, ma garantire che l'istituzione sia all'altezza dei suoi obiettivi veri e condivisi, piuttosto che diventare uno strumento dei potenti. Le carenze strutturali esistenti non possono essere sanate né con soluzioni lente né soluzioni rapide, ma richiedono un impegno per ciò che Papa Francesco definisce una "politica sana". L'esigenza di una sana politica, fondata sul perseguimento del bene comune e della verità universale, è particolarmente importante nel Consiglio di Sicurezza, i cui membri sono chiamati a diventare i primi artefici di pace nel mondo, impegnandosi costantemente per porre la pace internazionale e Stato di diritto al di sopra degli interessi nazionali o delle ideologie di parte. Troppo spesso quest'ultima porta inevitabilmente all'ingorgo, mentre i più poveri e vulnerabili, che cercano nel Concilio segni di speranza, continuano a soffrire, spinti a una maggiore disperazione. Rivitalizzare le Nazioni Unite deve includere l'esame se la struttura concepita nel 1945 rimane adeguata per il 2021 e oltre, nonché riconoscere che da quegli Stati a cui si dà di più, ci si può aspettare di più, soprattutto per quanto riguarda la responsabilità del bene comune. Oltre agli aspetti strutturali del rilancio, occorre prestare maggiore attenzione alla promozione e alla salvaguardia dei mandati degli organismi e dei forum delle Nazioni Unite. La Santa Sede vede con preoccupazione la spinta di alcuni ad abbattere l'utile divisione del lavoro tra Comitati, commissioni, riunioni e processi, trasformando tutti in organismi che si concentrano su un numero limitato di questioni controverse. Inoltre, il principio del consenso deve essere salvaguardato. Un passo comune nella giusta direzione è preferibile a molti passi in direzioni diverse. Per aiutare il mondo a costruire la resilienza attraverso la speranza, le Nazioni Unite devono dare l'esempio e gli Stati, le entità e il personale che compongono l'Organizzazione hanno tutti un ruolo chiave da svolgere nell'aiutare a dare l'esempio. La Santa Sede è fortemente impegnata a fare la sua parte.

In conclusione, signor Presidente, recuperare, ricostruire, rispondere, rispettare e rivitalizzare implica una riscoperta della resilienza attraverso una speranza ben radicata. Molti sono i segni di speranza, anche nelle nostre società stanche. Essere costruttori di pace nelle nostre società significa trovare questi semi e germogli di fraternità. «Il Dio dell'alleanza ci chiede di non cedere al separatismo oa interessi di parte. Non vuole che ci alleiamo con alcuni a spese di altri. Vuole piuttosto che gli individui e le comunità siano ponti di comunione con tutti» ( Incontro con i Rappresentanti del Consiglio Ecumenico delle Chiese e di alcune comunità ebraiche in Ungheria, Discorso di Sua Santità, 12 settembre 2021 ). Vediamo negli occhi dei migranti e dei rifugiati: sono pieni di sofferenza e di speranza. Lavoriamo insieme per dare loro il futuro per fiorire in pace. A marzo, mentre gli effetti della pandemia erano ancora molto sentiti, Papa Francesco si è recato in Iraq per incoraggiare il popolo iracheno a impegnarsi per dare al mondo un esempio di resilienza attraverso la speranza. Visitando il paese natale di Abramo, al quale ebrei, cristiani e musulmani guardano tutti come un padre nella fede, il Papa ha ricordato l'immagine di un mare in tempesta per descrivere cosa significa costruire una cultura di pace. "Esige", ha detto, "specialmente in mezzo alla tempesta, che remiamo insieme" e che nessuno "si preoccupi semplicemente dei suoi affari". Ha continuato: “Non ci sarà pace finché vedremo gli altri come loro e non come noi . Non ci sarà pace finché le nostre alleanze saranno contro gli altri, perché le alleanze di alcuni contro altri non fanno che aumentare le divisioni. La pace non richiede vincitori o vinti, ma piuttosto fratelli e sorelle che, nonostante tutte le incomprensioni e le ferite del passato, stanno camminando dal conflitto all'unità”. Questa è la via della speranza, che tutti noi dovremmo percorrere in questa Organizzazione. Grazie, signor presidente.

Fonte: Comunicato stampa
Assemblea Onu; card. Parolin, costruire la pace attraverso la speranza e la fraternità
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento