Mondo
stampa

Coronavirus: Vaticano, chi rifiuta il vaccino “senza comprovate ragioni di salute” può arrivare fino al licenziamento

“Il lavoratore che senza comprovate ragioni di salute” rifiuta di sottoporsi al vaccino anti-Covid avrà “conseguenze di diverso grado che possono giungere fino alla interruzione del rapporto di lavoro”. È quanto si legge in un decreto del Presidente della Pontificia Commissione dello Stato della Città del Vaticano, cardinale Giuseppe Bertello, in materia di emergenza pubblica

Vaccino

Il decreto è stato emanato l’8 febbraio ed è disponibile su Vaticanstate. Anche se la vaccinazione è volontaria, il decreto citato, all’articolo 6, stabilisce inoltre che “l’amministrazione può adibire il lavoratore che, per comprovate ragioni di salute non può sottoporsi alla somministrazione del vaccino, a mansioni differenti, equivalenti o, in difetto, inferiori, garantendo il trattamento economico corrispondente alle mansioni di provenienza”.

La campagna di vaccinazione anti-Covid, in Vaticano, iniziata il 13 gennaio scorso è intanto in pieno svolgimento – Papa Francesco compreso – e molti dipendenti hanno già ricevuto la seconda somministrazione.

Fonte: Sir
Coronavirus: Vaticano, chi rifiuta il vaccino “senza comprovate ragioni di salute” può arrivare fino al licenziamento
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento