Mondo
stampa

Disuguaglianze: Oxfam, in Italia l’1% è 30 volte più ricco del 30% più povero

Pubblicato il rapporto Oxfam sulle disuguaglianze: gli 8 più ricchi del pianeta possiedono quanto 3,6 miliardi di poveri. In Italia nel 2016 la ricchezza dell’1% più ricco degli italiani (in possesso oggi del 25% di ricchezza nazionale netta) è oltre 30 volte la ricchezza del 30% più povero dei nostri connazionali.

Percorsi: Economia - Povertà
Disuguaglianze: Oxfam, in Italia l’1% è 30 volte più ricco del 30% più povero

Le 8  persone più ricche del pianeta possiedono quanto 3,6 miliardi di poveri. E’ uno dei dati che emergono dal rapporto «Un’economia per il 99%», curato da Oxfam, la ong britannica attenta all’economia sociale, e diffuso oggi, che conferma il dato che denuncia dal 2015: l’1% dei più ricchi al mondo possiede quanto il restante 99%. Un’economia per il 99% è infatti il titolo del  nuovo rapporto, reso noto come ogni anno alla vigilia del Forum economico mondiale di Davos per mettere in evidenza le disuguaglianze crescenti, soprattutto perché i super-ricchi fanno ricorso «a pratiche di elusione fiscale, massimizzando i profitti e usando il loro potere per influenzare la politica».

Secondo le nuove stime, la metà più povera del pianeta è ancora più povera di quanto calcolato in passato e i ricchi sono sempre più ricchi: «I mega paperoni dei nostri giorni si arricchiscono a un ritmo così spaventosamente veloce che potremmo veder nascere il primo trillionaire (ovvero un individuo che possiederà più di 1.000 miliardi di dollari) nei prossimi 25 anni. Una cifra che si consuma solo spendendo un milione di dollari al giorno per 2.738 anni». Inoltre, denuncia il rapporto, è una leggenda che i miliardari si siano fatti tutti da sé: Oxfam ha calcolato che 1/3 della ricchezza dei miliardari è dovuta a eredità, mentre il 43% a relazioni clientelari. In questo quadro, le donne sono particolarmente svantaggiate perché trovano prevalentemente lavoro in settori con salari più bassi e hanno sulle spalle la gran parte del lavoro domestico e di cura non retribuito. Di questo passo ci vorranno 170 anni perché una donna raggiunga gli stessi livelli retributivi di un uomo.

In Italia nel 2016 la ricchezza dell’1% più ricco degli italiani (in possesso oggi del 25% di ricchezza nazionale netta) è oltre 30 volte la ricchezza del 30% più povero dei nostri connazionali. Per quanto riguarda il reddito tra il 1988 e il 2011, il 10% più ricco della popolazione ha accumulato un incremento di reddito superiore a quello della metà più povera degli italiani. «I servizi pubblici essenziali come sanità e istruzione subiscono tagli, ma a multinazionali e super ricchi è permesso di eludere impunemente il fisco – denuncia Roberto Barbieri, direttore generale di Oxfam Italia -. La voce del 99% rimane inascoltata perché i governi mostrano di non essere in grado di combattere l’estrema disuguaglianza, continuando a fare gli interessi dell’1% più ricco: le grandi corporation e le élites più prospere».

La soluzione, secondo Oxfam, è «ripensare il sistema economico a cui siamo abituati, che fin qui ha funzionato a beneficio di pochi fortunati e non della stragrande maggioranza della popolazione mondiale». Oxfam invita perciò tutti i cittadini, anche in Italia, a chiedere ai Governi e ai leader politici di garantire «un sistema di tassazione più progressivo, politiche occupazionali che garantiscano ai lavoratori un salario dignitoso e diminuiscano i divari retributivi, servizi pubblici di qualità in ambito educativo e sanitario, uno sviluppo economico che rispetti i limiti naturali del nostro pianeta, un reale ascolto dei bisogni dei cittadini e non degli interessi di alcune élites privilegiate».

Fonte: Sir
Disuguaglianze: Oxfam, in Italia l’1% è 30 volte più ricco del 30% più povero
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento