Mondo
stampa

Iraq: Onu, trovate oltre 200 fosse comuni dell'Isis

Più di 200 fosse comuni contenenti i resti di migliaia di vittime sono state scoperte in aree già controllate dall'Isis in Iraq: lo rende noto un rapporto delle Nazioni Unite pubblicato oggi che mostra l'eredità dell'incessante campagna di terrorismo e violenza di Daesh. 

Percorsi: Iraq - Isis - Onu
Combattenti dell'Isis in Iraq (Foto Sir)

La missione di assistenza delle Nazioni Unite per l'Iraq (Unami) e l'Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite hanno documentato l'esistenza di 202 siti di sepolture di massa nei governatorati di Ninive, Kirkuk, Salah al-Din e Anbar nelle parti settentrionali e occidentali del Paese. Difficile stabilire il numero totale delle persone sepolte: il sito più piccolo, a ovest di Mosul, contiene otto corpi, mentre il più grande, presumibilmente la dolina di Khasfa a sud di Mosul, potrebbe contenerne migliaia.

Il rapporto sottolinea che questi siti potrebbero potenzialmente contenere materiale forense utile all'identificazione delle vittime e a ricostruire la portata dei crimini che si sono verificati. Le prove raccolte da questi siti «saranno fondamentali per garantire indagini credibili, azioni penali e condanne in conformità con gli standard internazionali di processo», afferma il rapporto. «La verità e la giustizia richiedono la conservazione adeguata, lo scavo e la riesumazione di siti di sepoltura di massa e l'identificazione dei resti delle numerose vittime e il loro ritorno alle famiglie». A tale riguardo il rapporto parla delle «violenze diffuse e delle violazioni sistematiche dei diritti umani internazionali e del diritto umanitario» compiute da parte dell'Isis tra giugno 2014 e dicembre 2017, in vaste aree irachene, come possibili «crimini di guerra, crimini contro l'umanità e genocidi». Ján Kubiš, rappresentante speciale per l'Iraq del segretario generale delle Nazioni Unite, parla di «strazianti perdite umane, sofferenza profonda e crudeltà scioccante. Determinarne le circostanze sarà un passo importante per le famiglie e necessario per garantire i loro diritti alla verità e alla giustizia».

Il rapporto segnala anche la frustrazione dei familiari delle vittime che devono riferirsi a più di 5 uffici diversi per riuscire ad avere notizie sulla sorte dei propri congiunti e chiede per questo l'istituzione di un registro pubblico e centralizzato delle persone scomparse così come un ufficio federale delle persone scomparse. Per l'Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, «le famiglie hanno il diritto di sapere cosa è successo ai loro cari. Verità, giustizia e risarcimenti sono fondamentali per garantire un pieno riconoscimento delle atrocità commesse dallo Stato Islamico». Bachelet e Kubiš ribadiscono il loro sostegno al governo iracheno nello scavo di queste fosse comuni, chiedendo un approccio multidisciplinare alle operazioni di recupero con la partecipazione di specialisti ed esperti di esplosivi e di investigatori sulla scena del crimine. Alla comunità internazionale il rapporto chiede di fornire risorse e supporto tecnico agli sforzi relativi all'esumazione, raccolta, trasporto, stoccaggio e restituzione di resti umani alle famiglie, nonché alla loro identificazione.

Iraq: Onu, trovate oltre 200 fosse comuni dell'Isis
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento