Mondo
stampa

Edizione on line

La risoluzione Onu 1701

Ecco, nella traduzione offerta dall'agenzia Misna , il testo pressoché integrale della risoluzione approvata all'unanimità dal Consiglio di Sicurezza dell'Onu in cui si chiede una "cessazione delle ostilità" in Libano.

Il Consiglio di sicurezza dell'Onu.

"Esprimendo la massima preoccupazione per la continua escalation delle ostilità in Libano e in Israele"

"sottolineando la necessità di mettere fine alla violenza... ma anche di risolvere urgentemente le cause che hanno portato alla crisi corrente, incluso il rilascio dei soldati israeliani rapiti",

"conscio della delicatezza della questione dei prigionieri e incoraggiando gli sforzi per risolvere con urgenza la questione dei prigionieri libanesi detenuti in Israele",

"felicitandosi degli sforzi del primo ministro libanese e dell'impegno del governo libanese, nel suo piano in sette punti, a estendere la propria autorità su tutto il territorio attraverso le forze armate legittime",

"determinato ad agire per il ritiro delle forze israeliane dal sud del Libano il prima possibile",

"felicitandosi per la decisione per la decisione unanime di dispiegare una forza di 15.000 uomini dell'esercito libanese nel sud del paese" e dopo aver "preso atto che la situazione in Libano costituisce una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale"

Il Consiglio

"1. chiede un'immediata cessazione delle ostilità, basata, in particolare, sull'immediata cessazione da parte di Hezbollah di tutti gli attacchi e la cessazione immediata da parte di Israele di tutte le operazioni militari offensive"

"2. Dal momento della cessazione delle ostilità, chiede al governo libanese e alla Unifil (forza temporanea dell'Onu in Libano, ndr)...di dispiegare insieme le loro forze in tutto il Sud e chiede al governo israeliano, nel momento in cui tale dispiegamento comincerà, di ritirare in parallelo tutte le sue forze dal Libano meridionale";

"3. Sottolinea l'importanza del fatto che il governo libanese estenda la sua autorità all'insieme del territorio libanese...in modo da esercitare integralmente la sua sovranità e da far sì che nessuna arma vi si trovi senza il consenso del governo libanese e che nessuna autorità vi sia esercitata al di fuori di quella del governo"

"4. Riafferma il suo fermo appoggio al pieno rispetto della Linea blu"

"5. Riafferma anche il suo fermo attaccamento ... alla integrità territoriale, alla sovranità e all'indipendenza politica del Libano all'interno delle frontiere internazionalmente riconosciute come previsto dall'accordo di armistizio del 1949"

"6. Chiede alla comunità internazionale di adottare misure immediate per estendere il soccorso umanitario e finanziario al popolo libanese, in particolare facilitando il ritorno degli sfollati... riaprendo porti e aeroporti..."

"7. Afferma che tutte le parti sono tenute a controllare che non sia condotta alcuna azione contraria al paragrafo 1 che potrebbe pregiudicare la ricerca di una soluzione a lungo termine, all'accesso degli aiuti umanitari, inclusi passaggi sicuri per i convogli umanitari, e il ritorno sicuro degli sfollati nelle loro case"

"8. Chiede a Israele e al Libano di sostenere un cessate il fuoco permanente e una soluzione a lungo termine fondata sui principi e sugli elementi che seguono:

- stretto rispetto delle due parti della linea blu;
- dispositivo di sicurezza che impedisca la ripresa delle ostilità, in particolare la creazione, tra la Linea blu e il Litani, di una zona in cui non sia dispiegato personale armato se non quello del governo libanese e della missione Onu come autorizzato al paragrafo 11
- piena applicazione delle disposizioni comprese negli accordi di Taef e nelle risoluzioni 1559 e 1680 che esigono il disarmo di tutti i gruppi armati in Libano
- nessuna presenza di forze straniere in Libano senza il consenso del suo governo
- divieto di vendere o fornire armi e materiale militate al Libano, a meno che non ci sia l'autorizzazione del governo libanese
- comunicazione all'Onu delle Carte dei campi minati presenti in Libano e ancora in possesso degli israeliani.

Nei punti successivi (9, 10) il Consiglio chiede poi al segretario generale (Kofi Annan) di "appoggiare gli sforzi miranti a ottenere al più presto accordi di principio da parte del governo libanese e di quello israeliano in vista di una soluzione a lungo termine" e di "mettere a punto, in coordinamento con le parti internazionali interessate, proposte per attuare gli accordi di Taef e le risoluzioni 1559 e 1680", inclusi, "la delimitazione dei confini internazionali del Libano, specialmente in quelle aree in cui il confine è conteso o incerto, includendo anche l'area delle fattorie di Shebaa". Annan viene invitato a presentare delle proposte in materia entro 30 giorni.

Al punto 11 poi il Consiglio "decide di autorizzare un incremento degli effettivi dell'Unifil fino a un massimo di 15mila uomini". I compiti di questa forza, prosegue la risoluzione, saranno: "controllare la cessazione delle ostilità", "accompagnare e aiutare le forze armate libanesi nel loro dispiegamento nel Sud, fino alla Linea blu, mentre Israele ritira le sue forze dal Libano"; "fornire assistenza per assicurare aiuti umanitari alla popolazione civile", "assistere le forze armate libanesi nella realizzazione dell'area a cui ci si riferisce nel paragrafo 8" e "assistere il governo libanese nel portare avanti il paragrafo 14", ovvero quello relativo alla "messa in sicurezza dei suoi confini e dei punti di accesso al proprio territorio, per evitare l'ingresso senza il suo consenso di armi o materiale connesso".

Anche i punti 12 e 13 sono relativi alla missione Onu e sostanzialmente autorizzano la Unifil "ad adottare tutti i provvedimenti necessari nel suo settore di competenza perché il suo teatro di operazione non sia utilizzato per attività ostili di qualsivoglia natura, e di resistere ai tentativi di impedirle di assolvere ai suoi impegni secondo il mandato Onu" e chiedono al segretario generale di prendere "misure che assicurino che la Unifil sia capace di svolgere i compiti previsti nella risoluzione" e che "gli stati membri facciano contributi appropriati alla missione".

La risoluzione chiede poi a tutti gli Stati di prendere misure "adeguate a impedire" che propri cittadini vendano o forniscano armi a persone singole o entità in Libano. La risoluzione si conclude con la proroga del mandato della Unifil fino al 31 agosto 2007 (punto 16), l'invito ad Annan a "rendere conto, al massimo tra una settimana e poi a intervalli regolari, dell'applicazione della presente risoluzione" (punto 17), sottolineando infine (al 18esimo e ultimo punto) "la necessità di instaurare una pace globale, equa e duratura in Medio Oriente".

Il testo originale in inglese della risoluzione 1701

La risoluzione Onu 1701
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento