Mondo
stampa

Lavoro: Eurostat, la crisi economica taglia i contratti a tempo determinato e part time

Nel secondo trimestre del 2020, c’erano 19,2 milioni di europei tra i 20 e 64 anni che avevano contratti a tempo determinato. Nel primo trimestre erano 21,5 milioni e nel terzo sono tornati a quota 22,2. Questi numeri indicano – dice Eurostat – che il calo del numero di contratti a tempo determinato è pari all’80,5% della diminuzione totale dell’occupazione per questa fascia di età. 

Percorsi: coronavirus - covid19 - Crisi - Europa - Lavoro
Grafico Eurostat

Sono stati in particolare i giovani della fascia 15-24 ad essere colpiti: per loro si è passati dal 46,2% a 42,7% di contratti a tempo determinato tra la fine del 2019 al secondo trimestre del 2020, mentre il calo per la fascia 20-64 è stato dall’11,6% al 10,2%.

A superare il 20% di contrazione sono stati Paesi come Lettonia, Bulgaria, Malta, Slovenia, Estonia, Grecia e Slovacchia. Solo in Lituania e Danimarca non c’è stata flessione.

Contrazione c’è stata anche negli impieghi part-time: erano 33,8 milioni le persone con un tale tipo di contratto e sono diventate 31,0 milioni (con alcune sovrapposizioni tra part-time e tempo determinato).

Fonte: Sir
Lavoro: Eurostat, la crisi economica taglia i contratti a tempo determinato e part time
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento