Mondo
stampa

Malta, omicidio Daphne Galizia: mons. Scicluna, «difendere democrazia e verità»

Una condanna «con la massima fermezza» per l’omicidio di Daphne Caruana Galizia è quella espressa in un messaggio dall’arcivescovo di Malta, mons. Charles Scicluna, dopo l’attentato che ha ucciso la giornalista determinata a «difendere la democrazia fino alla fine».

Percorsi: Malta - Terrorismo
Mons. Scicluna (Foto Sir)

La giornalista è rimasta uccisa a Bidnija, nell’isola di Malta, in seguito all’esplosione di una bomba che ha fatto saltare in aria la sua auto, mentre lei era a bordo. È morta sul colpo. Quindici giorni fa aveva presentato denuncia alla polizia dopo aver ricevuto minacce di morte.

«Questo non è il momento di innescare guerre tra noi» e di accusarsi reciprocamente, scrive il vescovo, bensì di «difendere la dignità di ciascuno, eliminare la rabbia tra noi e difendere il grande valore della democrazia». Il vescovo, che prega «per la vittima e i suoi parenti» esprime anche la sua «solidarietà con tutti i giornalisti» e li incoraggia «a difendere la verità, senza paura di nessuno», nel loro servizio di amore «al popolo e alla democrazia».

Già in un tweet l'arcivescovo di Malta aveva espresso «Grande shock e tristezza» per la morte della giornalista e blogger. Nel tweet mons. Scicluna lanciava un «appello per una risposta unitaria» del Paese affinché «si promuovi una vera democrazia».

Fonte: Sir
Malta, omicidio Daphne Galizia: mons. Scicluna, «difendere democrazia e verità»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento