Mondo
stampa

Messico: durante la pandemia aumentati i desaparecidos. Oltre 1.300 in pochi mesi secondo Amnesty International

Nei 4 mesi di quarantena sono scomparse in Messico 1.342 persone. Lo afferma l’attivista di Amnesty International, María de los Dolores Soto. “La scomparsa delle persone non è in quarantena”, ha detto intervenendo nella terza conversazione virtuale della serie “Cultura dei diritti umani: sfide e prospettive”, condotta dall’Ufficio del difensore dei diritti umani del popolo dello Stato di Oaxaca. 

Percorsi: coronavirus - Messico - Povertà
Desaparecidos in Messico

La crisi sanitaria ha messo in evidenza le disuguaglianze strutturali storiche subite dai gruppi in situazioni vulnerabili in Messico e la referente di Amnesty ha sottolineato che la pandemia ha messo ancora più in difficoltà le famiglie degli scomparsi, che a causa della quarantena sono risultate anch’esse invisibili. Inoltre, ha detto, la scomparsa di una persona porta a una diminuzione del reddito familiare, sia perché manca il contributo della vittima al reddito, sia per le spese che vengono utilizzate per le ricerche dello scomparso. Dal 1964 a oggi si stimano 177mila 800 sparizioni in Messico, mentre la Commissione nazionale di ricerca ha riconosciuto solo 73mila 249 persone scomparse o non localizzate in tale periodo di tempo, di cui Il 75% ha tra i 15 ei 30 anni, “il che significa che la gioventù messicana sta scomparendo”, ha concluso María de los Dolores Soto.

Fonte: Sir
Messico: durante la pandemia aumentati i desaparecidos. Oltre 1.300 in pochi mesi secondo Amnesty International
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento