Mondo
stampa

PAKISTAN, UOMO ACCUSATO DI BLASFEMIA BRUCIATO VIVO; VESCOVI CHIEDONO INTERVENTO ISTITUZIONI

Percorsi: Mondo
Parole chiave: diritti umani (91), pakistan (132)

Lahore (Agenzia Fides) - Ghulam Abbas, un uomo accusato di blasfemia è stato bruciato vivo da una folla inferocita di islamisti radicali all'esterno della stazione di polizia di Chani Ghoth, nell'area della cittadina di Bahawalpur, nella provincia del Punjab. Come confermano fonti locali di Fides, l'uomo, probabilmente un disabile mentale di religione musulmana, era stato arrestato alcuni giorni fa in seguito a una denuncia di presunta blasfemia, con l'accusa di aver bruciato pagine del Corano. Alcuni leader religiosi locali hanno aizzato la folla che ieri si è riversata in strada ed ha poi fatto irruzione negli uffici della polizia, ferendo circa 15 agenti. I radicali hanno forzato la porta della cella, tirato fuori il prigioniero, lo hanno cosparso di benzina e bruciato vivo. Anche alcuni veicoli della polizia sono stati dati alle fiamme, in una rivolta che è durata circa due ore.

L'episodio ha scosso fortemente la società civile pakistana, riportando a galla la annosa questione dell'abuso della legge sulla blasfemia. Peter Jacob, Segretario esecutivo della Commissione "Giustizia e Pace" della Conferenza Episcopale del Pakistan, ha dichiarato a Fides: "Stiamo verificando i fatti e le circostanze di un episodio così grave e inaudito. E' un fatto davvero esecrabile. La violenza è aumentata, anche quella che prende come pretesto la religione. Eliminare una vita umana, tantopiù in modo extragiudiziale, è sempre inaccettabile. A preoccuparci sono l'impunità, l'illegalità, la libertà di quanti possono farsi giustizia da soli, uccidendo impunemente. Le istituzioni, come il Parlamento e la Magistratura, devono fare la loro parte. Chiediamo una maggiore attenzione del nuovo Primo Ministro perché non si abbassi la guardia sul rispetto dei diritti umani in Pakistan". La Commissione riferisce a Fides che, nel 2012, due musulmani e un cristiano sono stati uccisi in via extragiudiziale, per accuse di blasfemia.

Altre Ong, come "Masihi Foundation" e "Life for All", hanno fortemente condannato l'accaduto come "atto barbarico e disumano". In una nota inviata a Fides, ribadiscono che "si abusa della legge sulla blasfemia" e invitano le autorità ad agire "contro l'illegalità e la brutalità", perché "nessuno è al di sopra della legge". Le Ong chiedono l'intervento del Presidente della Corte Suprema per "garantire lo stato di diritto nel Paese". (PA)

 

PAKISTAN, UOMO ACCUSATO DI BLASFEMIA BRUCIATO VIVO; VESCOVI CHIEDONO INTERVENTO ISTITUZIONI
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento