Mondo
stampa

SIRIA: PADRE PIZZABALLA (CUSTODE), UN GESTO CONCRETO PER SOSTENERE LA CARITÀ

Percorsi: Mondo
Parole chiave: terra santa (366), siria (146), cooperazione (178), cristiani perseguitati (551)

«Un gesto concreto per sostenere i numerosi cristiani siriani e le opere di carità della Custodia di Terra Santa»: a chiederlo è il Custode di Terra Santa, padre Pierbattista Pizzaballa che al Sir parla di un “Paese in grave difficoltà economica e sociale segnato da violenze che gettano lunghe ombre sul suo futuro e sulla reale possibilità di trovare una soluzione alla crisi interna in atto”. In questo contesto di grande tensione, in cui “il conflitto sembra assumere le caratteristiche di guerra civile – spiega il Custode - i francescani, insieme a pochi altri esponenti della chiesa latina, sono impegnati a sostenere i bisogni della popolazione cristiana locale. La Custodia, infatti, è presente in diverse zone del Paese: Damasco, Aleppo, Lattakiah, Oronte”. L'appello alla solidarietà per la Siria di padre Pizzaballa, lanciato attraverso “Ats pro Terra Sancta” l'onlus della Custodia, giunge, “in un momento di totale confusione e smarrimento, molte aziende, soprattutto d'import-export, hanno chiuso i battenti. Delle migliaia di turisti, che alimentavano una moderna e florida industria, con un indotto di centinaia di posti lavoro nel settore dei trasporti, alberghiero, servizi, non rimane alcuna traccia. I produttori agricoli – si legge nell'appello - sono in grave difficoltà. L'embargo internazionale impedisce ogni possibilità di esportazione e i prezzi sono crollati”.
“Le fasce più deboli sono colpite in modo ineludibile e subiscono la mancanza di approvvigionamento energetico e di acqua. Nelle grandi città la corrente elettrica manca per diverse ore ogni giorno, se non del tutto; il gasolio è razionato. Tutto ciò crea enormi disagi alla popolazione, costretta ad affrontare le temperature invernali senza possibilità di riscaldarsi”. I dispensari medici dei conventi francescani, secondo la tradizione della Custodia, diventano “luogo di rifugio e accoglienza per tutti, senza alcuna differenza fra etnie di Alawiti, Sunniti, Cristiani o ribelli e governativi”. “Stare con la gente, accogliere e assistere chi si trova nel bisogno, garantire il servizio religioso ai fedeli perché comprendano l'importanza di restare nel proprio Paese” rimane, per padre Pizzaballa, “il senso della missione francescana” sull'esempio di san Francesco. “Noi frati, ricchi di questo straordinario esempio ereditato senza alcun merito, abbiamo il compito di emulare e diffondere l'insegnamento del nostro maestro alle future generazioni, perché possano proseguire la strada da lui tracciata con immenso amore e umile dedizione”. Per contributi online (carta di credito Visa, MasterCard, PayPal): www.proterrasancta.org/it/aiutaci/ . Con bonifico bancario: ATS – Iban: IT67 W050 18121010 0000 0122691. In posta, ccp 756205, intestato “Terrasanta Gerusalemme”.

SIRIA: PADRE PIZZABALLA (CUSTODE), UN GESTO CONCRETO PER SOSTENERE LA CARITÀ
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento