Mondo
stampa

Siria: curdi, «noi, fuori dalla zona di sicurezza». Turchia, «stop a combattimenti»

Le forze curdo-siriane si sono ritirate dalla zona di sicurezza nel nord-est della Siria come richiesto dall'accordo turco-americano. Lo riferiscono media siriani e panarabi che citano fonti militari curde e statunitensi.

Percorsi: Conflitti - Kurdistan - Russia - Siria - Turchia
Attacchi turchi in Siria (Foto Sir)

Le forze curde avrebbero informato quelle americane di aver ritirato le loro truppe dalla zona frontaliera, secondo quanto riportato dalle tv panarabe al Jazira e al Arabiya. In una nota il ministro della Difesa turco, Hulusi Akar, sostiene che «non è necessario» riprendere l'offensiva contro i combattenti curdi in Siria, visto che «il loro ritiro» dalle zone di confine è stato «completato», come «ci hanno confermato gli Stati Uniti».

Si lavora alacremente nei Centri di speranza di Porte aperte, ad Hassaké, in Siria, da dove giungono notizie di «sgomberi, persone in fuga, ritiro dei curdi in alcune aree e interruzioni del cessate il fuoco». «Tra la popolazione in fuga ci sono anche cristiani, minoranza nella minoranza», affermano da Porte aperte (Open doors), associazione impegnata da anni a mobilitare la Chiesa al sostegno dei perseguitati. «I curdi si sono ritirati da Ras al-Ayn, ma con essi anche molte famiglia di cristiani, che non si sentono al sicuro, non solo per le bombe turche, ma anche per le forze coalizzate all'esercito turco, le quali secondo le accuse di molti non fanno molta distinzione tra civili e soldati curdi. In quell'area ci sono anche curdi ex-musulmani convertiti alla fede cristiana, che quindi sono infinitamente vulnerabili».

«Queste famiglie sono così grate del vostro aiuto», spiega Nazyra Asyo, riferendosi ai pacchi viveri di Porte aperte che, attraverso la chiesa locale ad Al Hasakah, stanno distribuendo a 45 famiglie fuggite principalmente proprio da Ras al-Ayn. Porte aperte, attraverso i partner locali, sta soccorrendo con pacchi viveri in varie zone, come a Qamishly (nord Siria, confine con Turchia, zona di guerra) da cui giungono richieste di preghiere «perché la pace sia completa. C'è ancora molta tensione nell'atmosfera e le mosse politiche non sono chiare dalla nostra prospettiva. Confidiamo che, in mezzo a tutto questo, Dio ci aiuti a costruire il Suo regno».

Fonte: Sir
Siria: curdi, «noi, fuori dalla zona di sicurezza». Turchia, «stop a combattimenti»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento