Mondo
stampa

Terremoto in Messico: salgono le vittime. Caritas già all’opera

È già salito a 61 il bilancio ancora provvisorio dei morti nel terremoto di 8,2 gradi Richter in Messico, secondo quanto dichiarato dal presidente Enrique Pena Nieto. 45 hanno perso la vita a Oaxaca (delle quali 36 nella città di Juchitan), 12 nel Chiapas e 4 a Tabasco. Il presidente ha proclamato tre giorni di lutto nazionale in onore delle vittime del terremoto e ha ribadito l'appello alla popolazione a «stare all'erta» per l'eventualità di una nuova forte replica.

Percorsi: Caritas - Messico - Terremoti
Effetti della forte scossa di terremoto in Messico (Foto Sir)

Nel bollettino diffuso in serata (nella notte in Italia) dalla Pastorale sociale – Caritas della Conferenza episcopale messicana si parlava ancora di 58 vittime, ma si avvertiva che ci sono ancora persone sotto le macerie.

Il maggior numero di vittime (45) e i danni maggiori sono nello stato di Oaxaca e in particolare nell’istmo di Tehuantepec. Il centro più danneggiato è Juchitán de Zaragoza (31 vittime e 150 abitazioni distrutte), dove si sta scavando tra le macerie dei numerosi edifici crollati, nella speranza di trovare persone ancora in vita. Nello stato del Chiapas si registrano 10 vittime (tra cui 3 a San Cristóbal de Las Casas). Le autorità non cessano di dichiarare l’allerta tsunami ed è stata evacuata la popolazione che vive lungo la costa. Nello stato di Tabasco, nel frattempo falcidiato anche dall’uragano Katia, le vittime sono tre. In Oaxaca e Chiapas molta gente sta trascorrendo la seconda notte senza dormire, in provvisorie sistemazioni di fortuna.

Padre Rogelio Narváez, segretario esecutivo della Pastorale sociale – Caritas della Chiesa messicana, rende noto che «subito ci siamo messi in contatto con vescovi, sacerdoti, responsabili della Pastorale sociale e parroci delle località più danneggiate di quattro diocesi: Tehuantepec, San Cristóbal de Las Casas, Tuxtla Gutiérrez e Puerto Escondido».

Già la Caritas sta offrendo i primi aiuti e le prime risposte, a partire dalla diocesi di Tehuantepec. La Caritas di Monterrey si sta occupando di far arrivare viveri a Juchitán de Zaragoza e la locale Caritas sta andando in aiuto di cento famiglie di San Mateo del Mar costrette ad abbandonare la propria casa.

Fonte: Sir
Terremoto in Messico: salgono le vittime. Caritas già all’opera
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento