Mondo
stampa

Vincent Lambert: settimo giorno di agonia. Il padre, «è un assassinio mascherato»

Da sette giorni sedato e lasciato senza alimentazione e idratazione. Sono ore di attesa e agonia quelle che si stanno vivendo in Francia dopo che martedì scorso il medico di Vincent Lambert, un giovane uomo da 10 anni tetraplegico in stato di semicoscienza a seguito di un incidente, ha avviato una nuova procedura di sospensione del trattamento che tiene in vita il paziente. La decisione è stata presa il 28 giugno scorso grazie ad una sentenza della Corte di Cassazione.

Percorsi: Eutanasia - Francia - Sanità - Vita
Vincent Lambert (Foto Sir)

Ieri Pierre Lambert, padre di Vincent, ha denunciato «l'assassinio» in corso di suo figlio. «E ‘un assassinio mascherato, un'eutanasia», ha detto ai giornalisti quando è arrivato al CHU (centro ospedaliero universitario) Sevastopol di Reims, prima di recarsi dal figlio. Con lui è arrivata anche sua moglie Viviane Lambert senza rilasciare dichiarazioni. Pochi minuti dopo, sono giunti anche David Philippo, fratellastro di Vincent, e Anne Lambert, sua sorella.

Vincent Lambert è diventato in questi anni un simbolo del dibattito sul fine vita in Francia. Dopo ricorsi e appelli anche di fronte alle Nazioni Unite, una sentenza della Corte di cassazione ha dato martedì scorso via libera al potocollo medico che prevede l'interruzione dell'idratazione e della nutrizione mediante sonda paziente, nonché una «sedazione profonda e continua». È l'epilogo di 10 anni di battaglia giudiziaria. Il collettivo «Sostengo Vincent» («Je soutiens Vincent») ha indetto per oggi lunedì 8 luglio una manifestazione a Parigi nel pomeriggio alla quale saranno presenti anche Jerome Triomphe e Jean Paillot, avvocati dei genitori.

Fonte: Sir
Vincent Lambert: settimo giorno di agonia
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento