Opinioni & Commenti
stampa

Bagnasco e i Dico, quelle domande scorrette

Se davvero mons. Bagnasco avesse detto “No ai Dico, o arrivano pedofilia e incesto” (questo, virgolette comprese, il titolo oggi uscito su “La Nazione” e un po' su tutti gli altri quotidiani italiani), ci sarebbe da pensar male sull'equilibrio del nuovo presidente Cei. Far derivare quel tipo di dipendenza dalla regolarizzazione delle coppie di fatto, è ovviamente una sciocchezza. Peccato che mons. Bagnasco, quelle parole, non le abbia dette.
DI MAURO BANCHINI

Il testo integrale dell'intervento di mons. Bagnasco

Parole chiave: dico (33), angelo bagnasco (206), coppie di fatto (36)

di Mauro Banchini

Se davvero mons. Bagnasco avesse detto “No ai Dico, o arrivano pedofilia e incesto” (questo, virgolette comprese, il titolo oggi uscito su “La Nazione” e un po' su tutti gli altri quotidiani italiani), ci sarebbe da pensar male sull'equilibrio del nuovo presidente Cei.

Far derivare quel tipo di dipendenza dalla regolarizzazione delle coppie di fatto, è ovviamente una sciocchezza. Peccato che mons. Bagnasco, quelle parole, non le abbia dette.

Il suo assai più articolato ragionamento – più o meno condivisibile, come tutte le opinioni – è di tutt'altro tenore, di tutt'altro spessore. Quelle esatte e virgolettate parole non esistono, se non nella chiara voglia di farle pronunciare per montare una deriva polemica del tutto funzionale a ciò che si è già deciso che sia: la Chiesa ha sposato posizioni arretrate.

Tecnica mediatica antica.

I media sono pieni di virgolettati che ufficializzano parole mai pronunciate e pur tuttavia usate per i motivi più vari (esigenze tecniche di titolazione quando va bene). Ciò chiama in causa la deontologia dei giornalisti, almeno nel senso che bisognerebbe tutti quanti smetterla, una volta per tutte, di virgolettare parole mai pronunciate. Se ne avvantaggerebbe la credibilità dell'informazione intera.

C'è poi una seconda questione, stavolta più specifica: la difficoltà, l'imbarazzo di un certo mondo (che pure ama definirsi “laico”) nel rispondere, laicamente, al quesito serio su ciò che Bagnasco ha definito “il criterio oggettivo per giudicare il bene e il male”.

Il presule ha notato che se il criterio è quello “dell'opinione pubblica generale”, allora finisce per essere difficile “dire dei no”. In altri termini: “se viene a cadere il criterio antropologico dell'etica, che è innanzitutto un dato di natura e non di cultura” – queste le parole esatte di Bagnasco – perché, ad esempio, “dire di no all'incesto o al partito dei pedofili in Olanda se ci sono due libertà che si incontrano?”. Si potrà certo dissentire, ma non è ragionamento da liquidare con un rifiuto aprioristico.

In effetti: se tutto è sempre lecito, perché mettere questo o quel paletto? Chi impedirà, magari non adesso ma fra qualche tempo, di opporsi a ondate culturali via via sempre più … radicali per legalizzare comportamenti oggi stigmatizzati dai più ma per i quali già si cominciano a intravedere varchi e tentennamenti? Perché mai tutto ciò che è tecnicamente possibile – compresa, fra qualche tempo, la “costruzione” di esseri viventi privi di antipatici e costosi “difetti” e, magari, tutti uguali nella loro “perfezione” - non potrebbe essere sempre lecito?

Perché gridare allo scandalo per questi interrogativi – di forte impatto laico, capaci di stimolare non solo il senso della nostra fede di credenti ma soprattutto l'appartenenza alla nostra ragione di cittadini – e perché offendersi se qualcuno, queste domande scorrette, ha il coraggio di farle? E perché non interrogarci sull'uso, raffinato, dei media – pubblicità compresa – per far passare valori, pensieri, stili di vita perfettamente coerenti con l'impostazione di … lor signori?

Edizione on line

Bagnasco: mai equiparato Dico e pedofilia (Nota dell'Ufficio comunicazioni sociali Cei)

Il testo integrale dell'intervento di mons. Bagnasco

Bagnasco e i Dico, quelle domande scorrette
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
R. 06/04/2007 00:00
Be, non facciamo i finti ingenui. Bagnasco non e' certo un novellino e sa benissimo che se parlando di un argomento crea un collegamento piu' o meno chiaro e diretto con altre cose (che non c'entrano niente) fornisce - direttamente o indirettamente - un certo messaggio. Per Bagnasco il punto inaccettabile dei Dico e' che, per la prima volta, verrebbero riconosciuti alcuni diritti anche alle coppie omosessuali e questo per lui e' inaccettabile. Arriva infatti a dire che quello sarebbe il primo passo per far "cadere il criterio antropologico dell?etica". La verita' e' che ancora oggi la Chiesa e' vittima del radicato stigma contro le persone omosessuali, che non hanno "scelto" di esserlo un giorno, ma semplicemente...lo sono. Uno stigma di cui e' anche artefice primario e che, purtroppo, porta ancora oggi giovani adolescenti come il 16enne di Torino, a suicidarsi avendo problemi ad accettarsi e venendo derisi e emarginati dai propri coetanei perche' inaccettabilmente "diverso". Di quel suicidio e' moralmente responsabile anche chiunque ripete continuamente che l'omosessualita' (ovvero la predisposizione a innamorarsi di persone dello stesso sesso) e' inaccettabile e condannabile in quanto sarebbe "contro natura". Lo sostenevano anche i nazisti che, per 'purificare' la razza, mandarono i gay nei campi di sterminio.
R.

Totale 1 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento