Opinioni & Commenti
stampa

Dal n. 34 del 26 settembre 2004

E l'uomo-robot venne ben prima del robot-uomo

Baley non poté fare a meno di sorridere. - È comprensibile che trovi strano il comportamento degli uomini. Loro non obbediscono alle Tre Leggi. Elijah Baley si sta rivolgendo a R. Daneel Olivaw (R. sta per robot) nel racconto di Isaac Asimov Immagine speculare. No, gli uomini non obbediscono alle Tre Leggi ma hanno costruito robot che siano costretti a farlo.
DI UMBERTO FOLENA

«Homo cyber», invischiati nella rete

Intervista a Nicoletti: «Senza l'uomo nemmeno la macchina sopravviverà»

E l'uomo-robot venne ben prima del robot-uomo

di Umberto Folena
Baley non poté fare a meno di sorridere. - È comprensibile che trovi strano il comportamento degli uomini. Loro non obbediscono alle Tre Leggi. Elijah Baley si sta rivolgendo a R. Daneel Olivaw (R. sta per robot) nel racconto di Isaac Asimov Immagine speculare. No, gli uomini non obbediscono alle Tre Leggi ma hanno costruito robot che siano costretti a farlo. Per rinfrescare la memoria ai non asimoviani, basterà la prima legge: «Un robot non può recare danno agli esseri umani, né può permettere che, a causa del suo mancato intervento, gli esseri umani ricevano danno». Immaginatevi a questo punto Adamo ed Eva ante-mela osservare il mondo a venire, con le innumerevoli trasgressioni alla Legge (non mangiare la mela). Che caos incomprensibile!

Così noi umani appariamo ai robot: mutevoli, inaffidabili, prigionieri di quel libero arbitrio che per noi abbiamo voluto senza limiti, a loro invece imponendolo limitato assai. Meglio gli esseri umani o meglio i robot? Arduo problema. Meglio la libertà tutta intera che liberamente sceglie il bene (ma spesso, troppo spesso sceglie pure il male), o una libertà fino a un certo punto, che può scegliere soltanto il bene?

Religione e filosofia nei robot di Asimov, chi l'avrebbe sospettato? Teniamoci la domanda nel taschino ed esaminiamo semmai la terza ipotesi, quella più reale perché già attorno a noi: uomini robotizzati imprigionati a una prima legge di questo tenore: «Un uomo-robot non deve pensare, e se proprio ci è costretto, pensi i pensieri del capo». Ecco, questo è inquietante. Seconda legge: «L'uomo-robot deve obbedire alla televisione, escluso quando essa contraddice la prima legge». Ci siamo. Ultima: «Un uomo-robot deve salvaguardare la propria intelligenza, purché ciò non contrasti la prima e la seconda legge». Praticamente sempre.

Ecco, è possibile che abbiamo creato l'uomo-robot ben prima del robot-uomo. Se ciò è vero, il futuro robot Cutie, spalancando gli occhi e sentendosi dire da tal Powell: «Ti ho costruito io una settimana fa», non potrà dire altro che quanto gli fa dire Asimov (Essere razionale): «Ho l'impressione che debba esistere una spiegazione più soddisfacente di questa. Che tu abbia creato me mi sembra improbabile». Se i robot saranno così, e gli uomini sono così, meglio i robot.

«Homo cyber», invischiati nella rete

Intervista a Nicoletti: «Senza l'uomo nemmeno la macchina sopravviverà»

E l'uomo-robot venne ben prima del robot-uomo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento