Opinioni & Commenti
stampa

Il vero rinnovamento della Chiesa non passa dalla disobbedienza

La disobbedienza è una via per rinnovare la Chiesa? È la provocatoria domanda che Benedetto XVI ha sollevato, durante l'Omelia della Messa Crismale del Giovedì Santo, in relazione ad un appello di un gruppo di sacerdoti austriaci, che hanno espressamente invitato ad una disobbedienza anche nei confronti delle decisioni definitive del Magistero.
DI ANDREA DRIGANI

Parole chiave: benedetto xvi (2612), chiesa (157)

di Andrea Drigani

La disobbedienza è una via per rinnovare la Chiesa? È la provocatoria domanda che Benedetto XVI ha sollevato, durante l'Omelia della Messa Crismale del Giovedì Santo, in relazione ad un appello di un gruppo di sacerdoti austriaci, che hanno espressamente invitato ad una disobbedienza anche nei confronti delle decisioni definitive del Magistero. Il Papa ha ricordato che ogni vero rinnovamento ha il suo unico presupposto nella conformazione a Cristo e non nella voglia di trasformare la Chiesa secondo i nostri desideri e le nostre idee. Gesù ha reso concreto il suo mandato con la propria obbedienza e umiltà fino alla Croce, e per questo la sua missione è credibile. Non la mia, ma la tua volontà: questa è la parola che rivela il Figlio, la sua umiltà e insieme la sua divinità, e ci indica la strada.

Benedetto XVI ha poi voluto porsi un altro interrogativo: non è che con queste considerazioni viene, di fatto, difeso l'immobilismo e l'irrigidimento della tradizione? La risposta del Papa è un no deciso, poiché nella storia dell'epoca post-conciliare, si può riconoscere la dinamica del vero rinnovamento, che spesso ha assunto forme inattese in movimenti pieni di vita e che rende quasi tangibili l'inesauribile vivacità del popolo di Dio, la presenza e l'azione efficace dello Spirito Santo. I santi, di tutti i tempi, che sono esempio di conformazione a Cristo, in quanto «traduzione» del suo stile di vita, ci insegnano cos'è il rinnovamento e come possiamo metterci al suo servizio.

Il Papa nel rammentarci che la disobbedienza non è una vera via per rinnovare la Chiesa, sembra suggerire una riflessione che si potrebbe articolare in tre termini: deformazione, riforma, conformazione. Deformazione (deformatio) vuol dire che c'è un'alterazione della forma originaria e, pure all'interno della Chiesa, il peccato deturpa persone e circostanze che vengono, appunto, deformate; di qui la necessità della riforma (reformatio) che significa riportare alla forma primitiva, correggendo ciò che si è corrotto; ma la riforma deve fondarsi sulla conformazione (conformatio) a Cristo, cioè nel far corrispondere e adattare la forma della nostra vita a quella di Cristo.

Il vero rinnovamento della Chiesa non passa dalla disobbedienza
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
maurolaspisa 24/04/2012 00:00
Alla triade proposta per la conformatio si può anche suggerire quella tomasiana della purificatio-illuminatio.perfectio fronte alla quale si staglia anche la frase di don Milani "L'obbedienza non è più una virtà" quasi una eco di Luca 11.35 e 12.57.

Totale 1 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento