Opinioni & Commenti
stampa

Dal n.46 del 19 dicembre 2004

Natale, la rinunzia e il fanatismo, due facce della confusione

Insomma, che cosa ci sta succedendo? Vediamo i fatti di questo psicodramma frutto dell'equivoco, dell'ignoranza e della malafede. Atto primo, la rinunzia. Perdere la propria identità illudendosi di facilitare il dialogo. Succede nella scuola elementare Ciardi di Treviso, dove alcune insegnanti propongono di eliminare la consueta recita scolastica dedicata al Natale – in pratica un «presepio vivente» – e di sostituirla con Cappuccetto rosso per non urtare la sensibilità dei loro piccoli allievi musulmani.
DI FRANCO CARDINI

Natale, la rinunzia e il fanatismo, due facce della confusione

di Franco Cardini
Insomma, che cosa ci sta succedendo? Vediamo i fatti di questo psicodramma frutto dell'equivoco, dell'ignoranza e della malafede.
Atto primo, la rinunzia. Perdere la propria identità illudendosi di facilitare il dialogo. Succede nella scuola elementare Ciardi di Treviso, dove alcune insegnanti propongono di eliminare la consueta recita scolastica dedicata al Natale – in pratica un «presepio vivente» – e di sostituirla con Cappuccetto rosso per non urtare la sensibilità dei loro piccoli allievi musulmani. Succede in una scuola del comasco, dove una maestra invita i suoi scolari a cantare in coro una canzoncina di Natale con «virtù» al posto di Gesù, per non offendere la sensibilità di due bambini musulmani presenti in classe.

Atto secondo, la demagogia fanatica. Aggredire chi è diverso da noi, rifiutare di accettarne la diversità per ricostruire artificialmente un'identità finora trascurata o addirittura negata. Ecco quelli della Lega Padana che esortavano a non versare più l'Otto per mille alla Chiesa cattolica rea di difendere gli extracomunitari. Ecco quelli che fino a ieri ostentavano il loro cosiddetto «laicismo», cioè il loro agnosticismo anticlericale se non addirittura anticattolico, le Oriane Fallaci e i Giuliani Ferrara, che adesso rivendicano la bellezza «dei nostri campanili» (contro i minareti), che invitano a leggere il Corano per smascherarne la supposta infamia mentre non hanno mai preso in mano una Bibbia o anche solo un Vangelo.

Possono sembrare, come si diceva una volta, «opposti estremismi». Macché. Sono fratellini brutti e cattivi; sono facce della stessa ripugnante medaglia fatta d'ignoranza e di malafede.

Il nostro cosiddetto Occidente, fino a ieri, era fatto di credenti cristiani (spesso tiepidi e timidi) e di non-credenti (spesso aggressivi). Oggi, ad essi si sono aggiunti altri, credenti sì ma d'un'altra fede: tra loro, c'è addirittura una minoranza chiusa, intollerante, violenta. Quel ch'è necessario è difendere il loro diritto alla diversità, comprendere questa diversità, rispettarla; e al tempo stesso insegnar loro a rispettare la nostra religione e le nostre leggi. Non è difficile. Chi è musulmano – se non è un «fondamentalista», cioè uno che usa la religione come un'ideologia – non per questo è anticristiano. Cristianesimo e Islam non sono due opposti: sono due fedi diverse, nate da una stessa radice abramitica.

Dinanzi a una cultura diversa con la quale si voglia entrare in contatto, vi sono tre errori fondamentali da non fare. Primo: rinunziare alla propria. Secondo: auspicare che tutti abbandonino le rispettive tradizioni. Terzo: pretendere che siano gli altri a cedere unilateralmente e ad adeguarsi a noi.

Il corretto atteggiamento è valorizzare le nostre tradizioni e introdurre i nostri ospiti o i nostri nuovi concittadini provenienti da tradizioni diverse alla loro comprensione; e comprendere e rispettare le loro. In uno spirito di collaborazione, di crescita culturale e di complementarietà.
Perché mai dovremmo rinunziare al Presepio se da noi ci sono dei musulmani? Insegnamo piuttosto ai ragazzi che frequentano le nostre scuole il valore del Presepio e del Natale: tanto più che il Corano parla – e in modo commovente – di Gesù, di Maria e dei Magi. E magari, in tempo di Ramadan, insegnamo ai nostri ragazzi a notare che i loro compagni musulmani fanno a meno della colazione e invitiamoli a riflettere sulla serietà con la quale essi seguono la loro fede.

Quanto ai falsi neocristianucci diciamo che si è cristiani se si può recitare in buona fede, e con intima adesione, il Simbolo Niceno, cioè il Credo. Altrimenti, cristiani non ci si può dire. Chi cerca giustificazioni nobili per la sua propaganda faziosa, vada a trovarsele altrove. La Chiesa cattolica non è il posto giusto per queste cose.

Il Natale negato

Prato, scuola multietnica ma il presepio si fa

Intervista a Margiotta Broglio: «Assurdo obbligare, basta il buon senso»

Natale, la rinunzia e il fanatismo, due facce della confusione
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
amina dnatella salina 29/12/2004 00:00
suggerirei all'amico Franco Cardini e ai lettori di tener presente che cristiani ebrei musulmani e perfino buddisti ed induisti sono uniti da una cosa grandissima la Fede in Dio e che tutte e persone unite dal fatto di condivivere valori ispirati dalla Tradzione non possono farsi la guerra.Noi musulmani siamo d'accordo con il diritto di chiunque nel pieno rispetto dell'identita' altrui di esporre simboli religiosi dove ritiene necessario esporli perche' la liberta' religiosa fa parte della costituzione dell'essere umano.Nessuna civilta' e' mai sopravvissuta sulla negazione di Dio del sacro della spiritualita'.Nessuna civilta' puo' considerarsi superiore e poi progettare guerra morte e distruzione.salam pace shalom namaste....

Totale 1 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento