Opinioni & Commenti
stampa

Edizione on line

Ru486, la via del regresso

Riprende la sperimentazione e l'uso della pillola abortiva RU486 all'ospedale Sant'Anna di Torino, ma i problemi etici restano immutati nella loro gravità. Non è l'autorizzazione di un'autorità legale, che - ironia della sorte - si chiama Comitato etico, a legittimare il male morale e a tranquillizzare le coscienze. Perché di un gravissimo male morale si tratta. La Ru486, infatti, è una pillola abortiva che, staccando il feto dall'utero materno, ne provoca prima la morte e poi l'espulsione.
DI MAURO COZZOLI

Pillola abortiva, anche la Toscana era già pronta

Ru486, la via del regresso

di Mauro Cozzoli
professore di teologia morale
nella Pontificia Università Lateranense
Riprende la sperimentazione e l'uso della pillola abortiva RU486 all'ospedale Sant'Anna di Torino, ma i problemi etici restano immutati nella loro gravità. Non è l'autorizzazione di un'autorità legale, che - ironia della sorte - si chiama Comitato etico, a legittimare il male morale e a tranquillizzare le coscienze. Perché di un gravissimo male morale si tratta. La Ru486, infatti, è una pillola abortiva che, staccando il feto dall'utero materno, ne provoca prima la morte e poi l'espulsione.

Il che è un aborto a tutti gli effetti: soppressione di una vita, che ha avuto origine nel momento della fecondazione dell'ovulo da parte dello spermatozoo. Senza dubbio, si tratta di una pratica meno invasiva e cruenta del raschiamento chirurgico, e perciò meno dolorosa e disagevole per la donna. Ma ciò non modifica la natura e la consistenza etica dell'atto, la sua negatività morale.

L'aborto diventa in questo modo più facile e accessibile, ma è pur sempre un aborto: l'uccisione di una vita piccola, debole e innocente, in uno stadio del decorso vitale per il quale ognuno di noi è passato. "Abominevole delitto" - lo ha detto il Concilio Vaticano II - comunque esso venga praticato.

È per questo che la Ru486 - detta pillola del mese dopo - non può trovare nessuna giustificazione morale. Come non può trovarla la pillola del giorno dopo, la quale - in presenza di una fecondazione già avvenuta - ha un'azione non contraccettiva ma abortiva. Impedisce, infatti, all'embrione di annidarsi in utero, facendolo così morire. Chiamarla contraccezione d'emergenza, "postcoital contraception", è falso e ingannevole.

La via chimica all'aborto, rappresentata da queste pillole, ne sta provocando l'uso individualistico e privatistico, scivolando verso l'aborto "fai da te". L'aborto facile concorre alla sua banalizzazione.

Dopo la banalizzazione della sessualità con le pillole contraccettive (e i preservativi), stiamo banalizzando la vita prenatale con le pillole abortive. Di pillola in pillola stiamo svuotando di contenuto valoriale e morale eventi umani fondamentali come la sessualità e la vita, e spogliando così le coscienze di verità e responsabilità morale.

Ciò che conta è il risultato da ottenere nel modo più facile e innocuo e non la verità e il bene in gioco. È l'esito e il segno di quel liberismo e relativismo etico che, nel contrasto tra la libertà e la vita, non (sempre) sceglie la vita, anteponendole la libertà, che prende le forme del desiderio e dell'interesse soggettivo.

La qual cosa viene fatta passare come conquista di civiltà, in una stagione culturale che enfatizza e dilata i diritti, al punto da non misurarli e derivarli più da beni oggettivi ma da desideri soggettivi.

Fino all'assurdo - denunciato decisamente da Giovanni Paolo II nell'enciclica Evangelium Vitae - di interpretare dei "delitti contro la vita come legittime espressioni della libertà individuale, da riconoscere e proteggere come veri e propri diritti" (18) e "su tale presupposto pretenderne non solo l'impunità, ma persino l'autorizzazione da parte dello Stato, al fine di praticarli in assoluta libertà ed anzi con l'intervento gratuito delle strutture sanitarie" (4).
Sono profondi motivi etici - come si vede - a delegittimare l'uso delle pillole abortive e a dichiararne la gravità morale, nonostante la loro facilità d'uso. Anzi proprio e ancor più a causa di essa, che ne favorisce la diffusione. Ma vi sono motivi anche di natura legale, in relazione alla legge 194, che queste pratiche disattendono in almeno due punti. Il primo è legato all'esigenza, dichiarata dalla legge, di non ricorrere all'aborto come un mezzo di regolazione delle nascite.

Ed invece tale sta diventando l'aborto chimico, fatto percepire e praticato come mero adempimento del desiderio di una donna di non avere un bambino. Il secondo motivo è dato dall'elusione di tutte quelle pratiche di prevenzione e dissuasione dall'aborto, che la legge esige di mettere in atto e che l'aborto chimico invece disattende.
Tutt'altro che conquista di civiltà e strumento di liberazione per la donna, come l'ideologia radical-libertaria e un tardo femminismo vogliono far credere, la via chimica all'aborto è un regresso umano e sociale che aggioga sempre più la libertà all'intemperanza del desiderio, da soddisfare ad ogni costo: al costo anche di un'altra vita di cui si spegne nelle coscienze e non si percepisce più il bene e il diritto inviolabile.

Pillola abortiva, anche la Toscana era già pronta

Ru486, la via del regresso
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
Bertani 21/11/2005 00:00
Per Antonella di Reggio Emilia


Veramente qui gli unici a pontificare seite voi abortisti radical ateisti.
avete detto prima dei referendum che noi avremmo "toccato" la 194 mentre siamo noi a difenderne i contenuti e voi ad attecarne i cosiddetti "bizantinismi" (le associazioni di volontariato nei consultori per intenderci)

avete detto che la pillola anticoncezionale era una conquista per la donna, mentre si è rivelata la prima causa di infertilità femminile oltre che di fibromi all'utero

avete detto che l'aborto non è un diritto né un anticoncezionale mentre ora dite l'esatto contrario

dite che è meglio abortire chimicamente senza dire alla donna che la pillolina ru la si prende inospedale ma gli effetti di ESPULSIONE li si vedono nel cesso di casa e quindi la donna è più sola

insomma chiaritevi le idee prima di parlare di cose cosi serie.
anche perchè ne va della salute e della vita di tante persone.

grazie.
Avatar
antonella 08/10/2005 00:00
voi siete matti. parlate di morale , pontificate sapete sempre quel è il bene è quale è il male. ma che sapete!.Come tutti gli integralisti religiosi che ci stanno rovinando la vita ci volete obbligare a vivere come volete voi. Ma vivete i vostri principi etici e lasciate stare il mondo che non la pensa come voi. non stiamo parlando di bambini ma stiamo parlando di agglomerati cellulari. Io all'anima a dio e tutto il resto appresso non ci credo fortunatamente non potete impedirmelo! Almeno questo.
Avatar
Franco Fagiani 08/10/2005 00:00
Più leggo i vostri argomenti (!?) più sono grato ai miei genitori di avermi fatto crescere in un ambiente laico.
Avatar
Gianni 07/10/2005 00:00
E a tutte quelle coppie ridotte alla fame dagli stipendi dimezzati e al costo della vita raddoppiato che a stento arrivano a fine mese non pensiamo?! Come possono loro portare a termine la gravidanza che costa e costa cara!? Iniziate a rendere gratuite visite e consulti e preoccuparvi della vita del neonato, troppo facile criticare chi è costretto a subire il trauma dell'aborto perchè a malapena riesce a tirare avanti o per qualsiasi altro motivo senza fare un qualcosa di veramente attivo nei loro confronti!!!
<br><i>L'associazionismo cattolico (penso ad es. ai centri di Aiuto alla vita, che hanno aiutato a far nascere migliaia di bambini) fanno tanto in questo senso... magari se anche lo Stato facesse la sua parte...(C.T.)</i>
Avatar
ignazio 07/10/2005 00:00
E' meglio che affrontiate i problemi in maniera più aperta (mentalmente) perchè siete un po' fuori tempo.
I.

Totale 5 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento