Opinioni & Commenti
stampa

Dal n. 2 dell'11 gennaio 2004

Se il funesto 2004 mi porterà il raffreddore

Siete superstiziosi? Magari soltanto per prudenza, perché non si sa mai? Consultate il vostro oroscopo, non solo con la curiosità dello scettico divertito, ma perché ci credete? Attenti, non dovreste. Non è questo il comportamento del buon credente. Il Catechismo parla chiaro: «La consultazione degli oroscopi, l'astrologia, la chiromanzia, l'interpretazione dei presagi e delle sorti, i fenomeni di veggenza, il ricorso ai medium occultano una volontà di dominio sul tempo, sulla storia e infine sugli uomini ed insieme un desiderio di rendersi propizie le potenze nascoste. Sono in contraddizione con l'onore e il rispetto, congiunto a timore amante, che dobbiamo a Dio solo» (2116).
DI UMBERTO FOLENA

Se il funesto 2004 mi porterà il raffreddore

DI UMBERTOFOLENA
Siete superstiziosi? Magari soltanto per prudenza, perché non si sa mai? Consultate il vostro oroscopo, non solo con la curiosità dello scettico divertito, ma perché ci credete? Attenti, non dovreste. Non è questo il comportamento del buon credente. Il Catechismo parla chiaro: «La consultazione degli oroscopi, l'astrologia, la chiromanzia, l'interpretazione dei presagi e delle sorti, i fenomeni di veggenza, il ricorso ai medium occultano una volontà di dominio sul tempo, sulla storia e infine sugli uomini ed insieme un desiderio di rendersi propizie le potenze nascoste. Sono in contraddizione con l'onore e il rispetto, congiunto a timore amante, che dobbiamo a Dio solo» (2116).

Chiaro? La dottrina parla chiaro e chiarissimo parlava già sant'Agostino, quando ammoniva: «Lungi da noi quegli insensati che attribuiscono agli astri il potere di disporre senza la volontà divina delle nostre azioni, delle nostre gioie e delle nostre sofferenze» (De Civitate Dei). Poi naturalmente la realtà ingarbuglia assai la matassa. Come in questi primi giorni dell'anno in cui gli astrologi hanno un gran daffare nel vaticinar responsi a proposito del 2004, appena cominciato e già ingombro di timori e speranze. La realtà: se do una sbirciatina al mio oroscopo e scopro che è meglio mi metta la sciarpa perché potrei prendermi un raffreddore, cosa che avrei fatto comunque essendo gennaio, denoto una sottesa «volontà di dominio sul tempo, sulla storia, sugli uomini»? Denoto forse soltanto una debolezza condivisa da tre italiani su quattro.

Tanti sono infatti i nostri concittadini che consultano gli oroscopi, anche se saltuariamente. I dati sono della ricerca Doxa del 1998; sono passati alcuni anni, ma poiché i risultati confermavano l'analoga ricerca del 1989, vien da pensare che la tendenza sia stabile. E allora: quelli che ci credono proprio, convinti che nelle stelle sia racchiuso il destino degli uomini, che alle stelle può quindi essere strappato, sono il 31 per cento, con netta prevalenza delle donne (38) sugli uomini (24). Chi non ci crede affatto sono il 44 per cento, tra cui evidentemente ci sono alcuni consultatori per curiosità: ti leggo ma per gioco. I sociologi parlano di consumo debole; debole, ma pur sempre consumo, con relativo giro d'affari. Il 31 per cento è tanto o poco? Per coincidenza, un'identica percentuale di italiani alla domenica va a messa con una certa regolarità. Fossero i credenti attenti al catechismo quanto quegli altri lo sono alle stelle, dovremmo concludere che i due gruppi sono nettamente separati: chi sta di là non può stare di qua.

Ma l'esperienza induce a essere meno categorici. Chissà. Quel 31 per cento vuol dire 16 milioni circa di italiani. Di essi quasi la metà è convinta che le previsioni degli oroscopi trovano riscontro nella realtà. Uno zoccolo duro che più duro non si può, se resiste tetragono alla faccia dell'evidenza contraria. E chissà se coincide, lui sì, con l'identica quantità di italiani che consultano o hanno consultato i maghi. Qui il consumo si fa forte e il business è ghiotto. A tal punto che astrologi e maghi, che in un impeto filologico degno di miglior causa amano talvolta ribattezzarsi «esperti in umanità» (sic), acquistano senza badare a spese gli spazi notturni sulle emittenti televisive locali, per gratificare il proprio conto in banca (la gente telefona e prende appuntamento) e il proprio incommensurabile narcisismo. Basta guardarli, tronfi e sfrontati, per avere la misura di quanto essi si piacciano; e più sono volgari, beceri e sgrammaticati, più si adorano.
Giocano con le nostre debolezze. E chi non ne ha? 2004, bisesto anno funesto. Sul satellite, Studio Universal sta programmando i film più catastrofici del magazzino: Terremoto, Twister, Airport, Dante's Peak e via cataclismando. Il Trap scuote le spalle: gli Europei si giocano sempre in anno bisestile e la sorte arride sempre a una squadra sola: l'anno bisestile sarà foriera di sventura, sì, ma per le altre.

Uno studio di Eta Meda Research su 1300 siti Internet di tutto il mondo rivela le tendenze dell'anno nuovo: semplicità, amore e concretezza, basta trasgressione e ritorno tra le mura domestiche, la casa-nido, la tecnologia dolce, a tavola basta cibi etnici e fusion e ritorno a concretezza, tradizione e qualità. Insomma alla ribollita. Se tutto ciò sia scritto nel cuore delle stelle lo ignoriamo. Ci basta sapere che è inciso, e da sempre, nel palato nostro. In trattoria, alla fine, la ribollita l'ordiniamo noi, il 44 per cento che delle stelle diffida. A cominciare – scusate il finale viola – da quelle due, minuscole ma pesanti, appese sulla casacca bianconera della Juve. Che cosa dica l'oroscopo lo ignoriamo ma per favore, almeno quest'anno qualcuno la fermi.

E Pisa si scoprì capitale dell'occulto

Ma liberaci dal Maligno...

A proposito di magia e demonologia (Nota pastorale 1° giugno 1994)

Quando l'oroscopo invade il palinsesto

Se il funesto 2004 mi porterà il raffreddore
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento