Opinioni & Commenti
stampa

Dal n. 39 del 3 novembre 2002

Social forum, il contributo dei cattolici

Firenze ospiterà dal 6 al 10 novembre il Social forum europeo e non mancano certo i timori e le perplessità, soprattutto perché manifestazioni analoghe sono state troppo spesso segnate dalla violenza. Eppure questo incontro va analizzato e riportato, direi con caparbietà, alla sua vera ragion d'essere che del resto ne segna e ne esalta la potenziale importanza: è una occasione per una riflessione comune, attenta e approfondita, sui grandi temi che sono la sfida del domani.
DI ALBERTO MIGONE

Social forum, il contributo dei cattolici

di Alberto Migone

Firenze ospiterà dal 6 al 10 novembre il Social forum europeo e non mancano certo i timori e le perplessità, soprattutto perché manifestazioni analoghe sono state troppo spesso segnate dalla violenza.

Eppure questo incontro va analizzato e riportato, direi con caparbietà, alla sua vera ragion d'essere che del resto ne segna e ne esalta la potenziale importanza: è una occasione per una riflessione comune, attenta e approfondita, sui grandi temi che sono la sfida del domani. Al Forum si parlerà infatti sì di globalizzazione, di pace, di ambiente, di diritti, di economia, di finanza, ma al di là di tutto questo sono sottese e s'impongono domande di fondo, che precedono ogni analisi settoriale e superano gli orientamenti politici, spesso angusti. Quale futuro vogliamo costruire? Questa costruzione può essere lasciata alle sole forze economiche e ad interessi multinazionali o non dovrà invece poggiare su valori etici largamente condivisi e su prospettive di crescita per tutti? Quale sarà l'anima di questa globalizzazione ormai inarrestabile e che ha in sé indubbie potenzialità?

Si precisa così il vero ruolo di questi incontri. Da un lato quello dello studio, dell'analisi, dell'approfondimento, della proposta, dall'altro quello di aprire a problematiche che a prima vita possono – erroneamente – sembrare lontane dal «bene particulare».

Ma si chiarifica anche – a nostro parere – la posizione dei cattolici nei confronti di questo incontro.
Essi hanno qualcosa da portare e da condividere, consapevoli – come scrivono i Vescovi della Toscana – che «di fronte alle tante ingiustizie che sono drammaticamente davanti a noi non possiamo dormire o lamentarci soltanto e che la carità si concretizza anche nelle attività sociali a livello locale e internazionale».
È principalmente un contributo di idee, di progetti, di esperienze, spesso nate e verificate su ampie frontiere, che testimoniano cosa può dare ai futuri assetti del mondo la tradizione cristiana e la visione evangelica dell'uomo e della storia. Ma porteranno anche un loro stile, che è poi un modo d'essere: aperti al confronto, ma – come si legge in un documento della Chiesa fiorentina – «coerenti con i principi evangelici e la dottrina sociale cristiana».

In quest'ottica non può aver spazio la violenza, promossa ed esaltata come espressione massima di libertà. E se è compito delle forze dell'ordine prevenirla e reprimerla, è dovere degli organizzatori – ed anche dei partecipanti – prenderne chiaramente le distanze. Anche – o soprattutto? – su questo versante si giocherà la credibilità del Forum.

Social forum, il contributo dei cattolici
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
Luca 03/11/2002 00:00
Sottoscrivo in pieno quanto sopra riportato. Io da cristiano sarò al social Forum perchè il mio modo di essere cristiano mi stimola ad andare...e dobbiamo essere tutti promotori di presentare il Forum come un grandissimo modo di affrontre problemi e questioni importantissime in manier innovativa. Cosa che probabilmente irrita i cosiddeti "grandi" che stanno cercando di far passare il forum di Firenze come un ritrovo di teppisti... Noi andiamo avanti per la nostra strada... probailmente ci metteranno i bastoni tra le ruote ma dobbiamo andare avanti piu diamo fastidio piu vuol dire che stiamo facendo bene...

Totale 1 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento