Opinioni & Commenti
stampa

Dal n. 18 dell'11 maggio 2003

Ue-Usa, se il gestore del saloon ha idee diverse dallo sceriffo

L'Europa segue con aria distratta i lavori della Convenzione che pur dovrebbe darle entro giugno la bozza di una Costituzione, ed è ancora frastornata dalla crisi internazionale aperta con la guerra in Iraq, nella quale non è riuscita ad avere un ruolo per il semplice fatto che non ha avuto una politica bensì un ventaglio di posizioni. La crisi provocata dalla guerra in Iraq rende così più improbo il compito dei «padri costituenti» (si fa per dire) che, già divisi per antica tradizione fra sovranisti, o euroscettici, e comunitari, sembra fino a questo momento non siano riusciti a trovare un accordo per superare l'impasse. L'eco delle contrapposizioni fra i sostenitori dei poteri della Commissione e quelli del Consiglio non fa sperare molto.
DI PIER ANTONIO GRAZIANI

Ue-Usa, se il gestore del saloon ha idee diverse dallo sceriffo

di Pier Antonio Graziani

L'Europa segue con aria distratta i lavori della Convenzione che pur dovrebbe darle entro giugno la bozza di una Costituzione, ed è ancora frastornata dalla crisi internazionale aperta con la guerra in Iraq, nella quale non è riuscita ad avere un ruolo per il semplice fatto che non ha avuto una politica bensì un ventaglio: a) chi partecipava alla guerra (la Gran Bretagna); b) chi non vi partecipava direttamente ma l'aveva ugualmente proclamata (la Spagna); c) chi l'approvava ma non la proclamava né vi partecipava (l'Italia); d) chi, come i Paesi dell'est in attesa di ingresso nell'Unione prossimo venturo, approvava od anche (la Polonia) simbolicamente vi partecipava; e) chi infine (Francia, Belgio, Lussemburgo e Germania) erano decisamente contrarie.

La crisi provocata dalla guerra in Iraq rende così più improbo il compito dei «padri costituenti» (si fa per dire) che, già divisi per antica tradizione fra sovranisti, o euroscettici, e comunitari, sembra fino a questo momento non siano riusciti a trovare un accordo per superare l'impasse. L'eco delle contrapposizioni fra i sostenitori dei poteri della Commissione e quelli del Consiglio non fa sperare molto. E sarebbe grave perché, non solo in vista dell'allargamento a venticinque, che richiede quanto meno si abbatta il principio dell'unanimità per non finire nella paralisi istituzionale, ma anche perché – ed è questo che la crisi internazionale mostra senza veli – si è prodotta una crisi all'interno dell'Occidente che chiede all'Europa decisioni del tipo di quelle che avrebbe dovuto prendere cinquant'anni fa, quando all'ordine del giorno ci fu la Comunità di Difesa (CED) e la Costituzione federale. Il progetto cadde in Francia non solo per l'opposizione congiunta delle destre e delle sinistre ma anche di un certo radicalismo laicista che temeva una Europa sbucata da sotto le tonache della cattolicità.

Oggi la situazione è diversa, ma non migliore: i partiti democristiani sono ridotti come tali a ben poco ma non esistono neppure culture politiche a dimensione sovranazionale che non siano le vuote sigle di partiti europei che in comune non hanno strategie unitarie ma soltanto la denominazione. Diverso è soprattutto il fatto che, allora, gli Stati Uniti premevano per l'unità europea (non la Gran Bretagna che l'Europa l'ha sempre guardata dall'alto e continua a farlo mentre oggi, gli Usa, sulla base della dottrina unilateralista, si preoccupano di ottenere consensi dai singoli). L'incoraggiamento alla Polonia, gratificata come potenza vincitrice in Iraq e per questo custode in condominio ristretto del dopo Saddam, al di là delle intenzioni, conferma questo nuovo atteggiamento americano.

L'Europa del mercato giunge così al capolinea del percorso intrapreso all'indomani della caduta della CED. D'ora in poi dovrà procedere tenendo nel conto unità e sicurezza. Il mercato, di questi due sostantivi, non è neppure sinonimo. Non solo l'Europa ma anche l'Onu e persino il Patto atlantico hanno bisogno di equilibri reali per essere a loro volta reali.

L'Europa profetessa disarmata, l'Europa gestore del saloon mentre i banditi (gli stati canaglia) sparano sullo sceriffo (gli Usa): è il quadro in cui raffigura i rapporti che si sono delineati fra le due sponde dell'Atlantico una delle teste d'uovo dei repubblicani americani (Robert Kagan, Paradiso e potere – America ed Europa nel nuovo ordine mondiale). Più che un saggio ha tutta l'aria di essere un messaggio ed anche un avvertimento.
Farebbe male l'Europa a trascurarlo e ad accantonare i problemi della sua unità e della sua sicurezza. Non in contrasto con gli Usa, ma per avere un ruolo internazionale di cui gli Usa stessi possano fruire. Forse il gestore del saloon ha idee diverse dallo sceriffo su come affrontare le canaglie, ma questo è proprio il contributo migliore che può offrire alla stessa causa dell'occidente.

Ue-Usa, se il gestore del saloon ha idee diverse dallo sceriffo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento