Al cinema
stampa

Dal n. 43 del 3 dicembre 2006

«IL LABIRINTO DEL FAUNO»

Per capire meglio «Il labirinto del fauno» di Guillermo Del Toro bisogna risalire al 1973, quando lo spagnolo Victor Erice realizzò «Lo spirito dell'alveare». Qui la piccola Anna, in un villaggio della Castiglia nel 1940, assiste a una proiezione di «Frankenstein», incontra un fuggiasco repubblicano ferito e cerca invano di aiutarlo. La creatura, nella sua fantasia, diventa un amico che si può invocare nei momenti di pericolo.

«IL LABIRINTO DEL FAUNO»

DI FRANCESCO MININNI
Per capire meglio «Il labirinto del fauno» di Guillermo Del Toro bisogna risalire al 1973, quando lo spagnolo Victor Erice realizzò «Lo spirito dell'alveare». Qui la piccola Anna, in un villaggio della Castiglia nel 1940, assiste a una proiezione di «Frankenstein», incontra un fuggiasco repubblicano ferito e cerca invano di aiutarlo. La creatura, nella sua fantasia, diventa un amico che si può invocare nei momenti di pericolo. In un certo senso Del Toro, che non possiede le qualità visionarie di Erice e si trova più a suo agio in un cinema molto fisico e concreto, ripropone la stessa tematica spostando l'azione nel 1944 e tentando la difficile impresa di raccontare una storia reale in parallelo con tutte le elaborazioni della fervida, disperata fantasia di Ofelia.

La madre di Ofelia, rimasta vedova, si è risposata con un capitano dell'esercito franchista e sta per partorire il sospirato maschio. Trasferite in campagna, accanto al capitano, madre e figlia vivono tutta l'incertezza del momento con reazioni diverse. La madre, cagionevole di salute, soffre sapendo di non avere alternative. Ofelia, invece, comincia a vedere le fate, è condotta in un labirinto alla presenza di un fauno e viene a sapere di essere la reincarnazione della figlia del re del mondo sotterraneo. Se la realtà è brutta, però, la fantasia è ugualmente ambigua e piena di pericoli. Una volta superate le prove, Ofelia capirà che di fantasia si può anche morire.

Come aveva tentato (senza riuscirvi) ne «La spina del diavolo», Del Toro accosta storia, politica e fantasia (chiaramente indirizzata sul versante dell'horror) cercando un difficile equilibrio tra le parti. Ma, non essendo dotato di capacità evocative, può soltanto rappresentare. Di modo che, se il capitano franchista è un concentrato di luoghi comuni sulla violenza del potere, il fauno non appare mai quale dovrebbe essere, cioè una proiezione della fantasia di una bambina che ha un gran bisogno di fuggire dalla realtà.

Va a finire che «Il labirinto del fauno» diventa, più che una fiaba nera, una rappresentazione delle tristezze del mondo a diversi livelli con almeno due episodi (l'incontro di Ofelia con il mostro senza occhi e il ferimento del capitano da parte di Mercedes) assolutamente privi di logica. D'altronde, Del Toro riesce a trasmettere, più del prevedibile pessimismo, un diffuso senso di tristezza che è comunque in grado di fotografare bene il periodo storico prescelto.

Resta la delusione per quella che, in mani più sapienti, avrebbe potuto trasformarsi in una grande storia surreale e che invece, così com'è, assomiglia soltanto a un'occasione mancata.

IL LABIRINTO DEL FAUNO (El laberinto del fauno) di Guillermo Del Toro. Con Ivana Baquero, Doug Jones, Sergi Lopez. USA/MEX 2006; Fantastico; Colore

«IL LABIRINTO DEL FAUNO»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento