Al cinema
stampa

Il film: "Maigret", verità e finzione in un gioco di specchi fra intrattenimento di qualità e cinema di classe

Interpretato da Gérard Depardieu, nella pellicola di Patrice Leconte il celebre commissario deve confrontarsi con l’assassinio di una ragazza dal passato misterioso

maigret

Nella Parigi degli anni Cinquanta, la giovane Louise Louvière si presenta a sorpresa ad una festa di fidanzamento. I promessi sposi ne rimangono sconvolti e lo scontro verbale che ne segue è drammatico. L’indomani, la ragazza verrà ritrovata priva di vita nel IX arrondissement.

Sarà l’inizio di una vicenda intricata e dolorosa che soltanto l’abilità del commissario Maigret riuscirà a risolvere. Ma prima di giungere alla soluzione del caso, l’investigatore incontrerà sulla propria strada un’altra donna che, assomigliando in maniera incredibile alla vittima, sarà determinante nella conduzione delle indagini. Nel crepuscolare Maigret di Patrice Leconte, è Gérard Depardieu (degno erede di Jean Gabin e del nostro Gino Cervi) a indossare i panni di una figura dall’animo sensibile e tormentato, dallo sguardo cupo e malinconico. Il suo è un Maigret abile nel risolvere gli enigmi impossibili che si celano dietro ad efferati delitti, poiché possiede la chiave per entrare in contatto con i fantasmi che, oltre al suo passato, popolano la scena del crimine. Leconte contribuisce in maniera determinante alla scrittura del personaggio mostrandocelo spesso in controluce, con la sua inconfondibile silhouette in bella evidenza, simile ad un’enorme macchia nera che vaga nelle interminabili notti parigine. Depardieu, dal canto proprio, si affida ad una recitazione per sottrazione, segnata da un cappotto sempre abbottonato e da un cappello che praticamente non toglie mai: per strada, al cinema, in ufficio, alle serate di gala.

Tratta dal racconto Maigret e la jeune morte pubblicato da Georges Simenon nel 1954, la pellicola di Patrice Leconte ha il pregio di saper mettere d’accordo gli spettatori alla ricerca dell’intrattenimento di qualità con gli appassionati cinefili. L’ultima fatica del regista di Ridicule, Il marito della parrucchiera e Confidenze troppo intime, si affida ad una narrazione classica, che segue con precisione il cronologico flusso degli eventi. Quanto mostrato non contiene alcun eccesso visivo o verbale e lo scabroso tema di fondo viene trattato con estrema sensibilità. Allo stesso tempo, Leconte si affida ad una fotografia che ci restituisce immagini opacizzate da una patina luminosa come se fossero state recuperate in una preziosa cineteca, prima di essere affidate ad un vecchio e rumoroso proiettore per pellicole. Ma questo Maigret sa coinvolgere anche l’appassionato dei generi, perché le inquadrature sono sempre sorprendenti, intriganti, perfettamente sovrapposte allo sguardo del protagonista. La mancanza di centratura dell’immagine, tipica degli albori della settima arte, qui si manifesta a vantaggio della fedele riproduzione di ciò che accade nella vita reale. Così, entrato in una stanza sconosciuta, l’occhio dell’investigatore non si posa dove lo dovrebbe condurre la storia, ma su quanto si trova casualmente a portata di mano, salvo poi girarsi di scatto alla ricerca del particolare più importante, dell’indizio determinante.

Maigret è anche un’arguta riflessione sui molteplici significati che si possono condensare all’interno dell’immagine cinematografica, poiché la ragazza che collabora con il commissario rappresenta anche la proiezione fisica di Louise e quella mentale della figlia perduta. Un abile gioco di specchi tra verità e finzione che coinvolgerà nella scena finale anche lo stesso protagonista. Intento a passeggiare per le vie di Parigi, lo vedremo evaporare dallo schermo, lasciandoci nel dubbio se tutto ciò sia realmente accaduto.

 

MAIGRET [Maigret et la jeune morte] di Patrice Leconte. Con Gérard Depardieu, Jade Labeste, Mélanie Bernier, Bertrand Poncet, Aurore Clément, André Wilms, Hervé Pierre

Produzione: Scope Pictures; Distribuzione: Adler Entertainment; Francia, Belgio, 2022

Giallo, Thriller; Colore

Durata: 1h 29min

Fonte: Tog
Il film: "Maigret", verità e finzione in un gioco di specchi fra intrattenimento di qualità e cinema di classe
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento