Al cinema
stampa

L'ultima sfida

Proprio mentre Quentin Tarantino sbanca il botteghino con il suo finto western «Django Unchained», Arnold Schwarzenegger, liberato (pensiamo definitivamente) dai suoi impegni da governatore della California, torna in pista con «The Last Stand"» che in Italia diventa «L’ultima sfida», e che a tutti gli effetti è molto più western del blockbuster sulla schiavitù e soprattutto può contare sulla regia del coreano Kim Jee-Woon, che ha acquisito una certa notorietà internazionale con la sua rilettura ironica e consapevole del cinema di Sergio Leone, «Il buono, il matto, il cattivo».

Percorsi: Cinema
La locandina del film

È evidente che, nel passaggio dalla Corea a Hollywood, Jee-Woon abbia dovuto adeguarsi alle regole del cinema americano perdendo molte delle proprie caratteristiche di indipendente. È un fatto, però, che pur lasciando forti dubbi sulle tematiche affrontate, «L’ultima sfida» abbia se non altro una certa forza compositiva, un senso dell’immagine, un ritmo serrato e, qua e là, alcune tracce residue di Sergio Leone nei bruschi passaggi da campi lunghissimi a primissimi piani. Tracce tecniche, perché per quanto riguarda l’aspetto tematico il film fa il possibile per ricostruire la vecchia frontiera che l’autore italiano aveva provveduto a chiudere con il sigillo della Storia. Per cui si viene a creare una situazione abbastanza schizofrenica: da un lato un regista che conosce bene il mestiere e che è consapevole delle fonti, dall’altra uno sceneggiatore (Andrew Knauer) che invece vorrebbe riportare indietro l’orologio a quando un protagonista che afferma lapidario «Io sono lo sceriffo» non solo era buono e giusto, ma poteva anche assumere le caratteristiche di un Dio in terra.

Ecco che torniamo al nocciolo della questione: il protagonista è Arnold Schwarzenegger e le regole sono più le sue che di registi, produttori o sceneggiatori. Una piccola differenza che trasforma «L’ultima sfida» in un manuale dello scontro all’ultimo sangue dove non è un caso se il singolo (sempre Schwarzenegger), indipendentemente dall’età che ha e dal numero dei nemici che è chiamato ad affrontare, conta molto più delle istituzioni (nel caso specifico l’Fbi) e probabilmente della legge stessa.

Ray Owens, ex-poliziotto di Los Angeles, è diventato sceriffo di Sommerton, al confine tra l’Arizona e il Messico. Quando comincia a notare strani movimenti di mezzi di trasporto e facce nuove, ci mette poco a convincersi che si sta preparando qualcosa di grosso. E ha ragione: il boss della droga Gabriel Cortez, fresco di evasione, ha deciso di usare proprio Sommerton come punto di passaggio per tornare in Messico e, pur di raggiungere il proprio scopo, non esita a mettere in campo un vero e proprio esercito. Non sa, Cortez, che ad aspettarlo c’è proprio Ray, a sua volta pronto a tutto pur di fermarlo. E in questi casi pronto a tutto significa con pochi uomini (o donne) a disposizione e un arsenale di armi da far invidia alle forze armate.

Il resto è storia vecchia: qualcuno dei buoni morirà, ben pochi dei cattivi resteranno in piedi e l’esito del duello finale tra Ray e Cortez è scritto dal principio. Ci si chiede, al di là della perizia tecnica e dell’abilità compositiva di Jee-Woon, se oggi sia ancora il caso di proporre storie come questa dove ogni problema può (meglio: deve) essere risolto con le armi, proprio nel momento in cui Obama sta tentando di regolamentare quello che in America sembra diventata un’abitudine perniciosa. Si può anche invocare, facendosi forti della parentela con il western, il tentativo di ricostruire il glorioso  cinema del passato: ma non ci risulta che all’epoca di John Wayne si distruggessero i paesi a forza di esplosivo e proiettili. E soprattutto in quei film si raccontava un’epoca passata e per molti aspetti mitizzata. Qui, invece, si racconta l’epoca contemporanea e si cerca di mitizzarla per far sembrare che quanto rappresentato sia comunque necessario per risolvere problemi che, diversamente, rimarrebbero assumendo proporzioni pericolose. Tocca domandarsi se, per assurdo, sia più pericolosa la malattia o la cura.
L’ULTIMA SFIDA (The Last Stand) di Kim Jee-Woon. Con Arnold Schwarzenegger, Johnnie Knoxville, Jamie Alexander, Eduardo Noriega, Peter Stormare. USA 2013; Thriller; Colore

L'ultima sfida
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento