Bach e la Bibbia
stampa

La famiglia

Dal 1723 al 1750 la vita di Bach diventa quella del Thomaskantor, succedendo nel ruolo che era stato di Johann Kuhnau, nel cui stesso appartamento, al primo piano della Thomasschule va ad abitare: appartamento grande, capace di accogliere i sei componenti della famiglia Bach, con un settimo in arrivo.

Percorsi: Musica

L’ampio alloggio gli permette di ospitare anche molti giovani parenti che arrivavano a Lipsia a studiare, o qualche devoto allievo.

Era la prima volta che Bach si insediava nell’alta carica in una vera città. Bach operò comunque sempre in contesti relativamente modesti: le città nelle quali prestò servizio andavano di 4.000 abitanti di Arnstadt ai 30.000 di Lipsia. Mai una vera metropoli, un grande teatro, corti imperiali o immense cattedrali, né infine le prestigiose accademie. C’è una sorta di estraniamento di Bach dalla grande vita sociale della nazione in cui vive. L’assimilazione delle sua opera si adeguò pertanto a tempi lentissimi, quelli dettati dalla storia e non dalla quotidianità, ma ciò lo aiutò a non disperdere la sua potenza creativa.

Formalmente Bach prende servizio il 15 maggio con un onorario annuo di 87 talleri e 12 groschen, cui si aggiungevano delle somme assegnate per le spese di illuminazione e riscaldamento, ovvero 13 talleri e 3 groschen, e in più sedici stai di grano, e due cataste di ceppi. Tale trattamento rimane immutato per 27 anni (non c’era svalutazione). Comunque il salario fisso era solo una parte delle entrate del Kantor, che fra regalie e Akzidentien arrivava alla somma annuale di 700 talleri.

Forse ti può interessare anche:

La famiglia
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento