Commento al Vangelo
stampa

Dal n. 47 del 25 dicembre 2005

«Il Signore faccia brillare il suo volto su di voi»

1° gennaio 2006, Maria Madre di Dio. In questa domenica, in questo anno concomitante con il 1 Gennaio, torna la figura di Maria, figura predominante del periodo di Avvento e fondamentale anche nel Natale. Appare una Maria in atteggiamento di ascolto, meditazione ed accoglienza «serbava queste cose meditandole nel suo cuore»; una Maria ormai consapevole del suo ruolo e che offre ai pastori la presenza del Figlio; una Madre che è attenta al proprio figlio nei primi momenti della sua vita, perchè consapevole custode di un mistero che Le è stato assegnato e di cui sente ogni responsabilità dinanzi all'umanità.
DI PAOLO RAZZAUTI

Letture del 1 gennaio, Maria Madre di Dio: «Invocheranno il mio Nome, e io li benedirò» (Nm 6,22-27); «Dio ci benedica con la luce del suo volto» (Salmo 66); «Dio mandò il suo Figlio, nato da donna» (Gal 4,4-7); «I pastori trovarono Maria e Giuseppe e il bambino» (Lc 2,16-21)
DI PAOLO RAZZAUTI
In questa domenica, in questo anno concomitante con il 1 Gennaio, torna la figura di Maria, figura predominante del periodo di Avvento e fondamentale anche nel Natale. Appare una Maria in atteggiamento di ascolto, meditazione ed accoglienza «serbava queste cose meditandole nel suo cuore»; una Maria ormai consapevole del suo ruolo e che offre ai pastori la presenza del Figlio; una Madre che è attenta al proprio figlio nei primi momenti della sua vita, perchè consapevole custode di un mistero che Le è stato assegnato e di cui sente ogni responsabilità dinanzi all'umanità. Un Figlio che nasce sotto la legge per riscattare coloro che erano sotto la legge perché l'attesa si tramuti in una figliolanza divina che trasforma tutti in eredi. Un'eredità che, come per i pastori, deve divenire annuncio e testimonianza per tutti noi, tanto da stupire il mondo. Una maternità , quella di Maria, che si traduce in fecondità per tutto il genere umano. Tornando alla nostra vita di ogni giorno, tornando alle nostre diverse occupazioni anche noi non possiamo dimenticare ciò che abbiamo visto e contemplato; anche noi dobbiamo serbare queste cose nel nostro cuore per meditarle ed annunciarle a chi incontriamo lungo la nostra strada.

Ecco, allora, che dobbiamo fare nostra la invocazione che abbiamo trovato nella prima lettura «ti benedica il Signore e ti protegga, il Signore faccia brillare il suo volto su di te e ti sia propizio, il Signore rivolga su di te il suo volto e ti conceda pace»: auguriamoci, all'inizio di questo anno, che questa benedizione possa scendere su ciascuno di noi ed il Signore ci conceda la sua Misericordia e la sua Pace di cui tutti abbiamo bisogno. Buon anno a tutti.

«Il Signore faccia brillare il suo volto su di voi»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento